1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

Due nuovi decreti mettono al bando il dissenso in Bahrein

(8 agosto 2013)

Proteste in Bahrein © MOHAMMED AL-SHAIKH/AFP/GettyImages
Proteste in Bahrein © MOHAMMED AL-SHAIKH/AFP/GettyImages
 

I due nuovi decreti di emergenza, emanati dal re del Bahrein la notte tra il 6 e il 7 agosto 2013, costituiscono un nuovo, vergognoso tentativo di mettere completamente al bando ogni forma di dissenso e la libertà d'espressione in Bahrein.

Il primo decreto ha emendato la Legge sui raduni pubblici e le manifestazioni del 1973, in modo da vietare ogni riunione, sit-in, marcia e raduno nella capitale Manama.

Il secondo decreto ha modificato la Legge sui minori del 1976. Ora è previsto che se una persona di età inferiore a 16 anni prende parte a una manifestazione, a un raduno pubblico o a un sit-in, i suoi genitori riceveranno un ammonimento scritto. Se dopo sei mesi il minore sarà sorpreso a prendere nuovamente parte a una manifestazione, i genitori potranno essere multati e/o arrestati.

I due nuovi decreti sono solo le ultime di una serie di misure adottate dalle autorità del Bahrein per inasprire le pene previste dalla Legge antiterrorismo del 2006 e stroncare il dissenso, all'indomani di una serie di proteste e in vista del "tamarod" (ribellione) convocato per il 14 agosto.

Tra la fine di luglio e l'inizio di agosto, numerosi blogger, fotografi e attivisti online sono stati arrestati.

Da quando, nel febbraio 2011, sono iniziate le proteste di massa nel paese, decine di persone sono morte a causa della tortura o dell'uso eccessivo della forza da parte delle forze di sicurezza. Altre decine sono state arrestate e processate in corte marziale. Tredici noti esponenti del dissenso e prestigiosi difensori dei diritti umani sono stati condannati in via definitiva a lunghe pene detentive o all'ergastolo.

 
 

Leggi anche: