1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

Iran: gravi le condizioni di salute di Nasrin Sotoudeth

Data di pubblicazione dell'appello: 03.12.2012

Status dell'appello: chiuso

Nasrin Sotoudeh © Payvand.com
Nasrin Sotoudeh © Payvand.com

Buona notizia! 18 settembre 2013: Nasrin Sotoudeh è stata rilasciata dal carcere di Evin, Tehran. Le autorità non hanno dato spiegazioni circa il suo rilascio ne hanno dato indicazioni se questo è da considerarsi definitivo.
------
Il 4 dicembre 2012, a seguito dell'intervento di alcuni parlamentari, Nasrin Sotoudeh, avvocata iraniana per i diritti umani, ha concluso il suo sciopero della fame durato 49 giorni; le autorità iraniane hanno fatto cadere il divieto di viaggiare per la figlia 13enne. La sua salute è fragile a causa di questo prolungato sciopero della fame e ha bisogno di cure mediche specialistiche. Amnesty International chiede il suo rilascio immediato e incondizionato.
 
Nasrin Sotoudeh, avvocata per i diritti umani e vincitrice del premio Sakharov 2012 per la libertà di pensiero del parlamento europeo, ha interrotto lo sciopero della fame iniziato il 17 ottobre 2012 e durato 49 giorni, dopo che le autorità iraniane hanno fatto cadere il divieto di viaggiare imposto alla figlia 13enne. Reza Khandan, il marito di Nasrin Sotoudeh, e diversi attivisti per i diritti delle donne hanno incontrato alcuni parlamentari per discutere del suo caso. A seguito dell'incontro, i parlamentari hanno espresso i loro dubbi e questo sembra aver spinto le autorità giudiziarie a revocare il divieto. Un membro della commissione parlamentare sulla sicurezza nazionale e politica estera ha anche affermato che alcuni parlamentari stanno pensando di visitare il carcere di Evin.
 
Il 2 dicembre, Reza Khandan ha riferito che la salute Nasrin Sotoudeh si è deteriorata e che soffre di perdita della vista, vertigini, instabilità e pressione sanguigna bassa. Non è chiaro se riceva un'alimentazione appropriata a una persona che ha appena terminato un lungo sciopero della fame.