1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

  1. Dinara Yunus©Amnesty International

    Appello - Azerbaigian: liberare tutti i prigionieri di coscienza!

    Il presidente Ilham Aliyev afferma che "tutte le libertà fondamentali sono garantite" nel suo paese. In realtà, decine di persone che hanno osato criticare il governo sono in carcere.

     
  2. Appello Nigeria, riportate a casa le nostre ragazze!

    Il 14 aprile 2014 oltre 200 studentesse, la maggior parte tra i 16 e i 18 anni, sono state rapite dalla scuola statale femminile secondaria a Chibok, nel nord-est della Nigeria, dal gruppo armato islamista boko haram.

     
  3. Muhammad Bekzhanov©Archivio privato

    Uzbekistan: ancora nessuna indagine sulle torture subite da Muhammad Bekzhanov

    Bekzhanov ha trascorso in carcere ben 16 anni per un reato che non ha commesso! Amnesty International chiede il suo rilascio.

     
  4. ©Archivio privato

    Appello - Iran: le donne non sono mere "macchine da riproduzione"!

    Nel tentativo di incrementare il tasso di natalità in Iran, le autorità del paese hanno tagliato i finanziamenti per i programmi di pianificazione familiare. Firma l'appello per garantire che donne e ragazze in Iran siano libere di decidere sui loro corpi e le loro vite.

     
  5. Samar Sa'ad 'Abdullah©Archivio privato

    Fermiamo l'esecuzione di Samar Sa'ad 'Abdullah

    Samar Sa'ad 'Abdullah ha 33 anni e da sei rischia di essere messa a morte. Ha dichiarato di essere stata torturata dalla polizia fino a quando non ha "confessato" l'omicidio di suo zio, della moglie e di uno dei loro figli.

     

Le Buone notizie

  1. Giustizia internazionale - Palestina 

    Il 1° aprile la Palestina è diventata il 123esimo stato parte dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale. 

     
  1. Salvare vite umane nel Mediterraneo sia priorità per l'Europa

    I governi europei devono dare la priorità a un piano di ricerca e soccorso in mare che impedisca l'ulteriore aumento del numero di migranti morti durante la traversata del mar Mediterraneo. La crisi umanitaria in atto necessita di un'immediata e coordinata risposta europea.

     
  1. Antonio Marchesi confermato presidente di Amnesty International Italia

    Antonio Marchesi è stato rieletto presidente di Amnesty International Italia al termine della XXX Assemblea generale dell'associazione

     
  2. Bahrein: oltre la retorica, le violazioni

    In Bahrein, paese  che ospita il Gran premio di Formula 1, sono dilaganti le violazioni dei diritti umani - tra cui torture, detenzioni arbitrarie e uso eccessivo della forza contro attivisti pacifici e oppositori del governo. 

     
  3. Roma, 10 dicembre 2014, Giornata internazionale dei diritti umani, mobilitazione per l'introduzione del reato di tortura nel codice penale italiano

    Roma, 17 aprile: flash-mob per l'introduzione del reato di tortura 

    Venerdì 17 aprile, a Roma, Amnesty International, A Buon Diritto, Antigone, Arci e Cittadinanzattiva hanno organizzato un flash-mob per chiedere l'introduzione del reato di tortura nel codice penale italiano.

     
  4. Celebrati i 40 anni di Amnesty International in Italia

    Il presidente del Senato Pietro Grasso, la presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, il ministro degli Affari esteri Paolo Gentiloni sono intervenuti alla cerimonia per i 40 anni di Amnesty International Italia, che si è svolta il 17 aprile in Campidoglio. 

     
  5. Ucraina: necessarie indagini credibili sul susseguirsi di morti sospette 

    La recente uccisione del giornalista Oles Buzina è solo l'ultima di una serie di morti sospette di ex alleati del presidente ucraino deposto Viktor Janukovič. Le autorità devono indagare.