1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

  1. Raif Badawi © Archivio privato

    Azione urgente Arabia Saudita: Raif Badawi fustigato

    Aggiornamento Raif Badawi, blogger saudita e prigioniero di coscienza, è stato flagellato pubblicamente il 9 gennaio. La fustigazione viola il divieto assoluto di tortura.

     
  2. © Amnesty International

    Appello - Manifesto My Body My Rights

    Chi controlla il tuo corpo? I diritti sessuali e riproduttivi in diversi paesi sono controllati da stato, operatori sanitari o dalla famiglia attraverso leggi e sanzioni penali. E' ora di dire basta! 

     
  3. © Amnesty International /Artist Hikaru Cho (Photo Jim Marks)

    Azione urgente Spagna: diritti di donne e ragazze minacciati ancora una volta

    Un gruppo parlamentare ha avanzato una proposta di modifica della legge vigente richiedendo che ragazze di 16 e 17 anni e alcune donne con disabilità mentali debbano ottenere il consenso di genitori o tutori prima di poter accedere a servizi di aborto sicuri e legali. 

     
  4. Attacks_against_journalists_in_Pakistan© Aamir Qureshi

    Appello - Pakistan: giustizia e protezione per Raza Rumi!

    Il 28 marzo 2014, Raza Rumi, giornalista e difensore dei diritti umani, è scampato alla morte. Stava tornando a casa dal lavoro, a Lahore, quando la sua auto è stato ricoperta di proiettili.

     
  5. Miriam_Isaura_Lopez_Vargas© Agencia Reforma

    Appello -  Messico: giustizia per Miriam Lopez!

    Nel 2011 Miriam López, una trentenne casalinga messicana e madre di quattro figli, è stata torturata e violentata da soldati messicani. Ad oggi ancora nessuno è stato condannato per questo crimine!

     

Le Buone notizie

  1. Campagna "Stop alla tortura" - Messico 

    Il 18 marzo è stato ordinato il rilascio di Alfonso Martín del Campo Dodd, condannato 23 anni prima per un doppio omicidio confessato dopo essere stato torturato.

     
  1. Yemen: sei bambini tra le vittime degli attacchi aerei sauditi 

    Conseguenze di attacchi aerei nei pressi dell'aeroporto internazionale di Sana'a in Yemen, 26 marzo 2015 © Zakarya Dahman, The Yemen Times

    Amnesty International ha confermato che almeno sei bambini di età inferiore ai dieci anni sono secondo quanto riferito tra le venticinque persone uccise negli attacchi aerei guidati dall'Arabia Saudita nella capitale yemenita Sana'a all'alba di giovedì.

     
  1. Amnesty International: da 40 anni in Italia

    Dal 1975, da quando decine di persone decisero di dare vita alla sezione italiana dell'organizzazione, nel nostro paese c'è Amnesty International. Sono passati da allora 40 anni: ed è una storia fatta di impegno e di battaglie, alcune vinte, altre ancora in corso. 

     
  2.  #12000km in bici. Anche nel viaggiare scopri la migrazione 

    Venerdì 27 marzo è partita #12000km in bici, un progetto di sensibilizzazione sul tema dell'immigrazione: una staffetta collettiva in bici con testimonianze, informazione, incontro e confronto  per partecipare alla costruzione di un futuro diverso. 

     
  3. ©JACK GUEZ/AFP/Getty Images

    Conflitto di Gaza: gruppi armati palestinesi hanno ucciso civili di entrambe le parti 

    Un nuovo rapporto accusa i gruppi armati palestinesi di aver mostrato disprezzo per la vita dei civili lanciando attacchi indiscriminati con razzi e mortai contro le zone residenziali israeliane. 

     
  4. Partecipa alla proiezione di "The Look Silence"

    Il 31 marzo, in 23 sale di 17 città italiane si terrà la proiezione del The Look Silence", di Joshua Oppenheimer. Scopri come usufruire dell'agevolazione all'ingresso.

     
  5. Venezuela, proteste 2014: assenza di giustizia via libera per ulteriori abusi

    Un nuovo rapporto denuncia che l'assenza di indagini e di procedimenti giudiziari per i responsabili di 43 morti e centinaia di ferimenti e torture durante le proteste del 2014 sta di fatto dando il segnale di via libera per ulteriori abusi e violenze.