1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

  1. Soheil Arabi© Archivio privato

    Azione urgente Iran: condannato a morte per aver insultato il Profeta

    La Corte suprema iraniana ha confermato la condanna a morte di Soheil Arabi, per "aver insultato il Profeta dell'Islam". L'uomo è stato condannato per aver postato messaggi ritenuti offensivi sul suo profilo Facebook.

     
  2.  ©Amnesty International

     Appello Francia: presidente Hollande difenda le nostre libertà!

    Qualsiasi misura sarà intrapresa per difendere la sicurezza del paese e per combattere il terrorismo, la Francia deve rispettare i diritti fondamentali e tutti i trattati di cui è parte.

     
  3. Hakamada Iwao © Archivio Privato

    Appello Giappone: Hakamada Iwao, una vita nel braccio della morte

    Hakamada Iwao ha 78 anni; ne ha trascorsi 45 nel braccio della morte, in Giappone.

     
  4. Jacqueline Montanez ©Archivio Privato

     Appello Stati Uniti d'America: grazia per Jacqueline Montanez

    Jacqueline Montanez sta scontando una condanna all'ergastolo senza possibilità di libertà vigilata per un crimine commesso quando era ancora una bambina. 

     
  5. Khadija Ismayilova © IRFS

    Azione urgente Azerbaigian: giornalista arrestata per motivi politici

    Khadija Ismayilova, nota giornalista investigativa dell'Azerbaigian, è stata sottoposta a custodia cautelare il 5 dicembre con accuse politicamente motivate. E' una prigioniera di coscienza e deve essere liberata immediatamente. 

     

Le Buone notizie

  1. Giustizia internazionale - Israele/Territori palestinesi occupati 

    Il 16 gennaio 2015 l'ufficio della procuratrice della Corte penale internazionale ha annunciato l'apertura di un'indagine preliminare sulla situazione dei diritti umani nei Territori palestinesi occupati.

     
  1. Crimini di guerra a Bengasi, necessari procedimenti giudiziari e sanzioni

    Membro delle forze pro-governative durante gli scontri con i volontari del Consiglio della shura dei rivoluzionari, Bengasi © REUTERS/Esam Omran Al-Fetori

    Amnesty International chiede urgentemente l'adozione di sanzioni mirate e l'avvio di procedimenti giudiziari, anche attraverso la Corte penale internazionale, per porre fine a sequestri, torture, uccisioni sommarie e ulteriori abusi, equivalenti in alcuni casi a crimini di guerra, commessi dalle forze rivali che si contengono la città di Bengasi.

     
  1. Raif Badawi: le ripetute frustate possono causare danni di lungo periodo

    L'Ong Freedom from Torture ha dichiarato, in una relazione commissionata da Amnesty International, che ulteriori frustate potrebbero causare danni fisici e mentali debilitanti e di lungo periodo a Raif Badawi. Rimane il rischio che l'esecuzione della pena possa riprendere il 30 gennaio. Proseguono le iniziative di Amnesty International Italia.

     
  2. © PIUS UTOMI EKPEI/AFP/Getty Images

    Nigeria: le autorità sapevano degli attacchi di Boko haram a Baga e Monguno

    Nuove prove dimostrano che le autorità nigeriane erano state ripetutamente avvertite degli attacchi di Boko haram a Baga e Monguno, in cui morirono centinaia di persone, ma non presero misure adeguate per proteggere i civili.

     
  3. I Amnesty, il I numero del 2015

    Nel primo numero del 2015, la rivista I Amnesty propone un approfondimento sul nuovo nemico di turno, lo Stato islamico: articoli di Stefano Citati, giornalista de Il Fatto Quotidiano, Donatella Rovera, ricercatrice di Amnesty International e Kalid Chaouki, responsabile nazionale dei Nuovi italiani per il Partito democratico. Scarica il numero

     
  4. Messico, tutti morti gli studenti: premature e rischiose le affermazioni del procuratore generale

    L'annuncio fatto dal procuratore generale del Messico il 28 gennaio, secondo cui i 43 studenti della scuola magistrale di Ayotzinapa scomparsi il 26 settembre 2014 sarebbero morti, è prematuro e rischia di compromettere la completezza e l'avanzamento delle indagini. Firma l'appello

     
  5. Nella terra del sangue e del miele

    Giovedì 29 gennaio esce in DVD e Blu-ray Nella terra del sangue e del miele, con il debutto alla regia di Angelina Jolie. Questa uscita segna l'inizio di un anno di sensibilizzazione in ricordo del 20° anniversario della fine della guerra nella ex Jugoslavia e del massacro di Srebrenica.