1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

  1. Muhammad Bekzhanov©Archivio privato

    Uzbekistan: ancora nessuna indagine sulle torture subite da Muhammad Bekzhanov

    Bekzhanov ha trascorso in carcere ben 16 anni per un reato che non ha commesso! Amnesty International chiede il suo rilascio.

     
  2. © Amnesty International

    Appello Marocco: proteggere le persone dalla tortura!

    Nonostante la tortura e gli altri maltrattamenti siano considerati un reato per la legge del Marocco, vengono comunque perpetrati.  Amnesty International chiede al Re Mohamed VI di porre fine alla tortura.

     
  3. © 2014 archivio privato

    Azione Uzbekistan: attivista per i diritti umani sottoposta a tortura

    Elena Urlaeva, attivista per i diritti umani in Uzbekistan, è stata arrestata dalla polizia il 31 maggio scorso e trattenuta per diverse ore al commissariato di Chinaz. Ha subito tortura, violenza sessuale e varie forme di umiliazioni.

     
  4. Yecenia Armenta©Amnesty International

    Appello - Messico: giustizia per Yecenia Armenta

    Yecenia Armenta, madre di due figli, che ha trascorso quasi tre anni in carcere in Messico per aver "confessato" di aver ucciso il marito dopo 15 ore di tortura, compresa la violenza sessuale e la minaccia di violentare i suoi figli.

     
  5. SOS Europa, le persone prima delle frontiere

    L'Unione europea ha risposto alzando barriere, reali e invisibili, che mettono a rischio la vita di coloro che per disperazione affrontano viaggi molto pericolosi e muoiono nel tentativo di raggiungere le frontiere del nostro continente. 

     
  6. Yezidi in fuga da Sinjar, Iraq©Archivio privato

    Appello -Iraq: un anno dopo, la crisi umanitaria deve essere risolta

    Un anno dopo la presa di Mosul da parte del gruppo che si autodefinisce Stato islamico (Is), l'Iraq sta vivendo una crisi umanitaria senza precedenti. E' ora di fare qualcosa!

     

Le Buone notizie

  1. Campagna "Stop alla tortura" - Nigeria 

    Il 3 giugno 2015 l'Assemblea nazionale ha approvato la legge sul reato di tortura.

     
  1. Sentenza della Corte suprema Usa sui matrimoni: "Vittoria per i diritti umani"

    La Corte suprema degli Stati Uniti ha emesso un verdetto storico, affermando il diritto delle coppie gay e lesbiche di contrarre matrimonio. "Speriamo che questa buona notizia incoraggi anche in Italia il riconoscimento del matrimonio civile tra persone dello stesso sesso"- Firma l'appello!

     
  1. Egitto, gli assassini del procuratore generale siano processati in modo equo

    Gli autori dell'attentato che la mattina del 29 giugno al Cairo ha ucciso il procuratore generale egiziano Hisham Barakat e ferito cinque delle sue guardie del corpo e un passante, devono essere consegnati alla giustizia e sottoposti a un processo equo e senza ricorso alla pena di morte. 

     
  2. Repressione in Egitto

    Dalle piazze al carcere: una generazione di giovani attivisti schiacciata dalla repressione in Egitto

    In un rapporto pubblicato oggi, Amnesty International ha dichiarato che la continua repressione delle autorità egiziane contro i giovani attivisti rappresenta il chiaro tentativo di schiacciare le menti più coraggiose e brillanti del paese ed eliminare qualunque minaccia embrionale al potere.

     
  3. Giochi europei di Baku: rilasciare tutti i prigionieri di coscienza!

    Alla vigilia della cerimonia di chiusura dei Giochi europei di Baku, in programma domenica 28 giugno, Amnesty International ha sollecitato le autorità dell'Azerbaigian a rilasciare immediatamente e senza condizioni tutti i dissidenti in carcere.

     
  4. Grecia, cresce la crisi umanitaria

    In occasione del vertice di Bruxelles, Amnesty International ha nuovamente affermato che i leader dell'Ue non stanno affrontando in modo adeguato la crisi dei rifugiati, di cui è ultimo sintomo il collasso del sistema di accoglienza in Grecia.

     
  5. Vieni ai campi di Amnesty!

    Ultimi giorni per iscriversi ai campi estivi di Amnesty nelle splendidi cornici di Lampedusa (19 -26 luglio) e Passignano sul Trasimeno (2-8 agosto). Iscriviti!

     
  6. Giappone: prima esecuzione del 2015

    Tsukasa Kanda, 44 anni, è stato impiccato nelle prime ore del 25 giugno. È la prima esecuzione del 2015, la 12esima sotto il governo in carica, al potere dal 2012, ed è avvenuta in un periodo nel quale l'attenzione politica, mediatica e dell'opinione pubblica è concentrata su altri temi, quali i piani del governo per espandere il ruolo militare del Giappone.