1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. contattaci
  2. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  3. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

È TEMPO DI SOSTENERE I DIRITTI UMANI IN EUROPA!

Più impegno contro la discriminazione e le mutilazioni dei genitali femminili

Data di pubblicazione dell'appello: 31.07.2012

Status dell'appello: chiuso

Viviane Reding, Commissario europeo per la giustizia, i diritti fondamentali e la cittadinanza sta conducendo una consultazione pubblica che terminerà il 9 settembre 2012 sui diritti dei cittadini dell'Unione europea (per maggiori informazioni: http://ec.europa.eu/justice/opinion/your-rights-your-future )

I commenti raccolti saranno utilizzati per elaborare il rapporto 2013 dell'Unione europea (Ue) sulla cittadinanza che a sua volta contribuirà a determinare l'agenda della Commissione europea. Tuttavia, la preoccupazione di Amnesty International è che in questa consultazione non c'è alcun riferimento ai diritti umani.

Vogliamo che la Commissione sia molto più proattiva nella realizzazione dei diritti umani per tutti nell'Ue. L'Ue è già obbligata a rispettare e promuovere i diritti umani e ha gli strumenti per farlo. Ma regolarmente chiude un occhio di fronte alle violazioni dei diritti umani nei 27 paesi membri.
Finora l'Ue non è riuscita a costruire una politica interna sui diritti umani esauriente e quanto prodotto è decisamente poco ambizioso. Ciò significa che l'Ue sta fallendo nel fare la vera differenza su tutti i nostri diritti umani.
Negli ultimi quattro anni, la direttiva sull'uguaglianza proposta dalla Commissione che dovrebbe colmare i vuoti degli attuali standard antidiscriminazione dell'Ue in materia di età, disabilità, religione/credo e orientamento sessuale, si trova a un punto morto presso il Consiglio dell'Ue. Inoltre, le leggi antidiscriminazione dell'Ue, come la Direttiva quadro sul lavoro, non stanno fornendo un'adeguata protezione. Informati sul nostro lavoro contro la discriminazione!

Nel 2010 la Commissione si è impegnata ad adottare una strategia sulla violenza contro le donne che includa le mutilazioni dei genitali femminili (Mgf), come parte della sua Strategia per l'uguaglianza di genere tra donne e uomini 2010-2015. Ma ora si rifiuta di elaborare una strategia globale.

Il nostro contributo alla consultazione per una strategia sulla violenza contro le donne:
http://www.endfgm.eu/content/assets/AI_contribution_on_consultation_on_VAW_2011-2015.pdf

Per maggiori informazioni sul nostro lavoro per porre fine alle mutilazioni dei genitali femminili visita il sito web http://www.endfgm.eu

 
 
[www.amnesty.it] Internal server error. Please, try again later.