1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. contattaci
  2. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  3. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

Qatar: il poeta al- Ajami condannato a 15 anni di carcere!

Data di pubblicazione dell'appello: 01.03.2013

Status dell'appello: chiuso

Aggiornamento UA: 319/12 Index: MDE 22/004/2013

National Human Rights Committee building in Doha, Qatar, 18th October 2011© Armstrong Vaz/Demotix
National Human Rights Committee building in Doha, Qatar, 18th October 2011 © Armstrong Vaz/Demotix

La condanna all'ergastolo di Muhammad al-Ajami, poeta del Qatar, in carcere dal novembre 2011, è stata ridotta a 15 anni. È accusato di "reati" legati alle sue poesie. È un prigioniero di coscienza, detenuto solo per aver esercitato pacificamente il diritto alla libertà di espressione.
 
Il processo d'appello del poeta Muhammad al-Ajami è iniziato nel gennaio 2013. Il 25 febbraio la Corte d'appello di Doha, capitale del Qatar, ha ridotto condanna a 15 anni di carcere. Secondo gli organi di stampa, il giudice non ha spiegato il motivo di questa riduzione della pena. Muhammad al-Ajami (conosciuto anche come Muhammad Ibn al-Dheeb), che si trova ancora in isolamento nella prigione centrale di Doha,  ricorrerà in appello davanti alla Corte suprema. 
 
Il 16 novembre 2011, Muhammad al-Ajami è stato convocato negli uffici della sicurezza dello stato, accusato di "incitamento a sovvertire il potere" e "offesa all'emiro" e arrestato. È stato detenuto per mesi in isolamento prima di poter ricevere visite dei familiari.
 
Secondo diversi attivisti della regione del Golfo, le accuse nei suoi confronti fanno riferimento a una poesia del 2010 in cui pare che l'uomo abbia criticato l'emiro. Tuttavia, ritengono che la vera ragione del suo arresto sia stata la "poesia dei gelsomini", scritta nel 2011 durante l'ondata di proteste nel mondo arabo iniziata a dicembre 2010. La poesia critica gli stati del Golfo, dicendo: "Siamo tutti la Tunisia di fronte all'élite repressiva".
 
Il suo processo, iniziato nello stesso novembre 2011 presso il tribunale penale di Doha, sia stato viziato da irregolarità, con udienze tenute in segreto. Il suo avvocato non è stato autorizzato a partecipare alle udienze e ha dovuto presentare la sua difesa solo per iscritto. Il 29 novembre 2012 Muhammad al-Ajami è stato condannato all'ergastolo. Nessun osservatore è stato autorizzato a entrare in aula e il verdetto è stato pronunciato in assenza dell'imputato.
 
Informazioni aggiuntive
L'8 gennaio 2013 anche l'ufficio dell'Alto commissario per i diritti umani ha espresso le sue preoccupazioni sull'equità del processo, in particolare sul diritto a un avvocato.

La libertà di espressione è rigidamente controllata in Qatar e la stampa spesso si autocensura. Il diritto alla libertà di espressione è minacciata inoltre dalla Convenzione sulla lotta al terrorismo del Consiglio di cooperazione del Golfo del 2004, le cui disposizioni rischiano di considerare reato attività legittime. Il governo del Qatar ha aderito a questa convenzione nel maggio 2008.

I diritti alla libertà di espressione e di riunione sono garantiti dal diritto internazionale e dei diritti umani. Possono essere limitati solo scopi specifici, che includono il rispetto dei diritti e della reputazione altrui. Le restrizioni devono essere necessarie e proporzionate e non devono compromettere questo diritto. Le personalità pubbliche devono accettare di poter essere oggetto di critiche maggiori rispetto agli altri cittadini. Pertanto, le leggi che riconoscono una protezione specifica dalle critiche ai funzionari pubblici non sono compatibili con il rispetto della libertà di espressione.