1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

Siria: Amnesty International rivela nuove prove dei crimini contro l'umanità in corso da parte delle forze armate

CS70: 14/06/2012

Bambini pregano sulle tombe dei loro familiari, vittime di esecuzioni extragiudiziali Sennaqra, Siria, maggio 2012  ©  Amnesty International
Bambini pregano sulle tombe dei loro familiari, vittime di esecuzioni extragiudiziali Sennaqra, Siria, maggio 2012 © Amnesty International

Lo scioccante crescendo di uccisioni illegali, torture, detenzioni arbitrarie e distruzioni indiscriminate di abitazioni dimostra quanto sia urgente la necessità di una decisiva azione internazionale per fermare l'ondata degli attacchi, sempre più massicci e impuniti, delle forze armate e delle milizie governative shabiha in Siria.

Lo ha detto oggi Amnesty International, lanciando un nuovo rapporto di 70 pagine, dal titolo "Rappresaglie mortali", che fornisce nuove prove delle ampie e sistematiche violazioni dei diritti umani, tra cui crimini contro l'umanità e crimini di guerra, perpetrate nell'ambito di una politica di stato destinata a compiere rappresaglie contro le comunità sospettate di sostenere l'opposizione e a intimidire e assoggettare la popolazione.

"Le nuove, sconcertanti prove di un sistema organizzato di gravi violazioni aumentano la necessità di una decisiva azione internazionale per fermare l'ondata dei sempre più massicci attacchi contro la popolazione civile, compresi crimini contro l'umanità e crimini di guerra, commessi dalle forze armate e dalle milizie governative nella totale impunità" - ha dichiarato Donatella Rovera, di Amnesty International, che ha recentemente trascorso alcune settimane nel nord della Siria per svolgere indagini sulle violazioni dei diritti umani.

"Per oltre un anno il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha esitato ad agire, mentre in Siria si sviluppava una crisi dei diritti umani. Ora deve superare l'impasse e agire concretamente per porre fine a queste violazioni e chiamare i responsabili a risponderne" - ha proseguito Rovera.

Pur non ricevendo un'autorizzazione ufficiale da parte delle autorità locali a entrare nel paese, Amnesty International ha potuto verificare la situazione sul terreno nella Siria settentrionale giungendo alla conclusione che le forze armate e le milizie governative sono responsabili di gravi violazioni dei diritti umani e di gravi violazioni del diritto internazionale umanitario che corrispondono a crimini contro l'umanità e a crimini di guerra.

Amnesty International ha visitato 23 città e villaggi nelle province di Aleppo e Idlib, comprese le zone in cui le forze siriane avevano lanciato attacchi su vasta scala anche durante i negoziati sull'applicazione dell'accordo in sei punti per il cessate il fuoco, promosso dalle Nazioni Unite e dalla Lega Araba tra marzo e aprile.

In ogni città e villaggio visitati, famiglie distrutte dal dolore hanno riferito ad Amnesty International come i loro parenti (vecchi, giovani e anche bambini) fossero stati prelevati e uccisi dai soldati, che in alcuni casi avevano dato fuoco ai cadaveri.

I soldati e le milizie shabiha hanno distrutto case e proprietà, aprendo indiscriminatamente il fuoco contro centri abitati, uccidendo e ferendo persone che si trovavano sul posto al momento degli attacchi. Le persone arrestate, compresi anziani e ammalati, sono state regolarmente torturate, in alcuni casi a morte. Molte sono state vittime di sparizione forzata e il loro destino resta sconosciuto.

 

"Ovunque sia andata, ho incontrato persone stravolte che chiedevano perché il mondo stesse a guardare e non facesse nulla. Questa mancanza d'azione da parte della comunità internazionale non fa che incoraggiare ulteriori violazioni. Poiché la situazione continua a peggiorare e il computo delle vittime civili sale di giorno in giorno, la comunità internazionale deve agire per porre fine alla spirale di violenza" - ha affermato Rovera.

La repressione governativa ha preso di mira città e villaggi ritenuti roccaforti dell'opposizione: luoghi dove vi erano stati scontri con l'Esercito libero della Siria, così come centri di proteste pacifiche.

Ad Aleppo, la seconda città della Siria, in diverse occasioni nell'ultima settimana di maggio Amnesty International ha visto membri delle forze di sicurezza in uniforme e membri delle shabiha in abiti civili sparare proiettili letali contro dimostrazioni pacifiche, uccidendo e ferendo manifestanti e passanti, bambini inclusi.

Il genere di violazioni commesse in queste zone non è isolato, poiché giungono diffuse denunce analoghe da altre parti del paese, come nel caso dell'attacco delle forze siriane del 25 maggio a Houla dove, secondo le Nazioni Unite, sono state uccise 108 persone, tra cui 49 bambini e 34 donne.

Dall'inizio delle manifestazioni per le riforme, nel febbraio 2011, Amnesty International ha ricevuto i nomi di oltre 10.000 persone uccise, ma ritiene che il numero effettivo possa essere considerevolmente più alto.

Il rapporto di Amnesty International corrobora le conclusioni di altre indagini sulle violazioni dei diritti umani in Siria, tra cui il rapporto del Segretario generale delle Nazioni Unite sui bambini e i conflitti armati che mette in evidenza come, nell'ultimo anno, le forze governative siriane si siano rese responsabili di "uccisioni e ferimenti, arresti arbitrari, detenzioni, maltrattamenti e torture" di bambini anche di nove anni.

Nel suo rapporto odierno, Amnesty International rinnova ancora una volta l'appello al Consiglio di sicurezza di deferire la situazione della Siria al procuratore della Corte penale internazionale e di imporre un embargo sulle armi alla Siria, con l'obiettivo di fermare i trasferimenti al governo di Damasco. L'organizzazione per i diritti umani sollecita in particolare i governi di Russia e Cina a porre immediatamente fine alle forniture di armi, munizioni ed equipaggiamento, addestramento e personale militare, di sicurezza e di polizia alla Siria. Chiede infine al Consiglio di sicurezza di attuare il congelamento dei beni patrimoniali nei confronti del presidente Bashar al-Assad e di altri che potrebbero essere coinvolti nell'ordine o nell'esecuzione di crimini di diritto internazionale.

Amnesty International ha rivolto numerose raccomandazioni alle autorità siriane che, se attuate, avrebbero potuto contribuire a fermare le massicce violazioni dei diritti umani, tra cui crimini contro l'umanità e crimini di guerra che stanno attualmente avendo luogo. Ma a quanto sembra, il governo siriano non ha intenzione di porre fine a questi crimini, tantomeno di sottoporli a indagini.

"I tentativi del governo siriano di impedire l'accesso ad Amnesty International, ad altre organizzazioni per i diritti umani e alla stampa internazionale, non sono riusciti a impedire le ricerche. Questo rapporto fornisce ulteriori dettagliate prove che le autorità siriane sono impegnate in un attacco sistematico, massiccio e brutale contro la popolazione civile" - ha concluso Rovera.

Ulteriori informazioni

Tra la metà di aprile e la fine di maggio del 2012, Amnesty International ha condotto ricerche sul campo nelle province di Aleppo e Idlib, nonché nelle aree di Jabal al-Zawiyah e Jabal al-Wastani, a nordovest di Hama. Queste ricerche hanno compreso oltre 200 interviste con familiari di persone uccise e arrestate, persone le cui case e proprietà sono state distrutte, danneggiate o saccheggiate, persone sopravvissute agli attacchi, testimoni oculari ed ex detenuti.

Questo rapporto si concentra sulle sistematiche violazioni dei diritti umani commesse dalle forze governative, tra cui le milizie shabiha che operano insieme all'esercito e alle forze di sicurezza: esecuzioni extragiudiziali e altre uccisioni illegali, attacchi diretti e indiscriminati con carri armati, mortai ed elicotteri che hanno provocato la morte o il ferimento di civili, la sistematica distruzione e il saccheggio di abitazioni e proprietà, le detenzioni arbitrarie e la tortura.

Le conclusioni di questo rapporto coincidono con quelle di altri organismi, come la Commissione d'inchiesta delle Nazioni Unite sulla Siria e il Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura, così come con le stesse prove raccolte da Amnesty International durante le missioni di ricerca svolte in Libano, Turchia e Giordania per intervistare cittadini siriani che avevano lasciato il paese dall'inizio della violenta repressione delle proteste.

 
 

FINE DEL COMUNICATO                                                                                    Roma, 14 giugno 2012
 
Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia - Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 - cell. 348-6974361, e-mail press@amnesty.it