Azione di solidarietà per Patrick Zaki - Amnesty International Italia

Azione di solidarietà per Patrick Zaki

15 Gennaio 2021

Tempo di lettura stimato: 5'

Patrick George Zaki, 28 anni, attivista e studente dell’Università di Bologna, è ancora in stato di detenzione preventiva in Egitto.

Patrick George Zaki è un prigioniero di coscienza detenuto esclusivamente per il suo lavoro in favore dei diritti umani e per le opinioni politiche espresse sui social media.

Per riuscire a salvare Patrick da ulteriori possibili torture e maltrattamenti, è necessario tenere alta l’attenzione sui mezzi di comunicazione e fare pressione sulle istituzioni egiziane. L’8 febbraio sarà il primo triste anniversario dell’arresto di Patrick Zaki e sarà il momento di farci sentire compatti e più determinati che mai. Patrick Zaki deve tornare ai suoi studi a Bologna!

Anche le scuole possono unirsi ad Amnesty International nell’esprimere la propria solidarietà e la propria vicinanza a Patrick Zaki scrivendo un messaggio o inviando una foto.

Se decidete di svolgere l’azione di solidarietà solo come insegnanti (questa opzione è soprattutto per le scuole primarie e secondarie di primo grado che non ritengono il tema adatto ai più piccoli), potete scaricare i cartelli che trovate a questo link: https://drive.google.com/drive/folders/1CMiYeU0fyFthIfqtYwV4eQdF0f2B4rB5?usp=sharing, stamparli aggiungendo il vostro nome e il nome della scuola, farvi una foto e mandarla entro le 13,00 dell’8 febbraio a edu@ai-italy.it. In alternativa, invece di stampare il cartello, potete crearne uno voi ricordando sempre di inserire il nome della scuola. Insieme alla foto ci piacerebbe molto che scriveste e ci inviaste anche un messaggio di solidarietà per Zaki.

Se volete partecipare all’azione di solidarietà con la vostra classe e state svolgendo attività didattica in presenza, chiedete alle studentesse e agli studenti di creare un cartello con la scritta: “Free Patrick Zaki” o in alternativa di stampare uno dei cartelli che si trovano a questo link:  https://drive.google.com/drive/folders/1CMiYeU0fyFthIfqtYwV4eQdF0f2B4rB5?usp=sharing. Ogni cartello dovrà riportare il nome della scuola e della classe. Una volta preparati i cartelli, chiedete agli studenti di coprirsi il volto con il cartello, scattate una foto e inviatela a edu@ai-italy.it, entro le ore 13,00 dell’8 febbraio. Potete stampare in A3 e aggiungere alla foto la sagoma di Patrick Zaki che trovate qui: https://drive.google.com/file/d/14hauAGPn6fYTVk6dGLhpvQdi81IQ4LQ1/view?usp=sharing

Gli studenti, prima o dopo aver scattato la foto, possono scrivere un messaggio di solidarietà o realizzare un disegno per Zaki: servono l’affetto e la vicinanza di tutti noi per aiutarlo ad affrontare la drammatica situazione che sta vivendo!

I messaggi, come le foto, vanno inviati edu@ai-italy.it, entro le ore 13,00 dell’8 febbraio.

Se siete in DAD o DDI, gli studenti e gli insegnanti possono realizzare a casa o scaricare i cartelli e fare la foto durante le lezioni online. Anche in questo caso, ci piacerebbe molto se le studentesse e gli studenti scrivessero un messaggio di solidarietà o inviassero un disegno per Zaki. I messaggi, come le foto, vanno inviati a edu@ai-italy.it, entro le ore 13,00 dell’8 febbraio.

Trovate tutti gli aggiornamenti e le informazioni su Patrick Zaki a questo link: https://www.amnesty.it/appelli/liberta-per-patrick/

Per approfondire il tema della libertà di espressione in classe e dei difensori dei diritti umani vi segnaliamo per la scuola primaria (secondo ciclo) e per la secondaria di primo grado:

Per la scuola secondaria di secondo grado:

Infine, per far capire agli studenti l’importanza di mandare lettere o messaggi a chi si trova in prigione accusato ingiustamente, potete leggere in classe la lettera che Louis Sepulveda ha scritto nel 2000 ad Amnesty International Italia: https://www.amnesty.it/non-sopportiamo-la-tortura-introduzione-di-luis-sepulveda/