Sono scappati dalla tortura, ora rischiano il carcere

9 Aprile 2021

Tempo di lettura stimato: 3'

Inizialmente erano noti come i 3 della El Hiblu, tre ragazzi con la passione per il calcio e il basket. All’epoca avevano 15, 16 e 19 anni, desideravano quello che tutti noi vogliamo: una vita migliore, più sicura.

Quest’obiettivo comune li ha portati dalla Guinea e dalla Costa d’Avorio fino in Libia. Disperatamente determinati a fuggire dalla violenza e dalle celle di tortura riservate ai rifugiati e ai migranti in quel paese, si sono imbarcati su un gommone insieme ad altre persone dirette in Europa. Il gommone è andato subito in avaria ed è stato soccorso da El Hiblu, una nave petroliera. L’equipaggio della El Hiblu ha quindi tentato di riportare le persone soccorse in Libia, ma è scoppiata una protesta da parte dei richiedenti asilo presenti nella nave e ai tre ragazzi è stato chiesto di aiutare a sedare la situazione. Come interpreti, hanno difeso i diritti delle persone soccorse a non subire nuovamente le torture in Libia. L’equipaggio ha diretto la nave verso l’Europa.

Tuttavia, appena entrati nelle acque di Malta, le autorità maltesi hanno preso d’assalto la nave, asserendo che i tre si fossero impossessati della nave con la forza. Hanno accusato i ragazzi di reati così gravi da far rischiare loro l’ergastolo. I tre ragazzi hanno semplicemente tentato di difendere la loro sicurezza e di proteggere le persone soccorse insieme a loro. Ora si trovano sul banco degli imputati.

Fai sentire la tua vicinanza, invia una lettera o un messaggio. Per loro è molto importante sapere che altre ragazze e ragazzi sanno quello che gli sta succedendo e gli sono accanto.

 

SCARICA L’AZIONE DI SOLIDARIETA’ PER I TRE RAGAZZI DELLA EL  HIBLU

 

Per approfondire in classe i diritti delle persone rifugiate e richiedenti asilo:

https://www.amnesty.it/pubblicazioni/minori-rifugiati-richiedenti-asilo/

https://www.amnesty.it/pubblicazioni/dove-sono-i-rifugiati-nel-mondo/

https://www.amnesty.it/pubblicazioni/manuale-write-the-change/

https://www.amnesty.it/pubblicazioni/migrando/