1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

Rifugiati: la Nato porti avanti le operazioni di ricerca e soccorso nel rispetto del diritto internazionale

Imbarcazione nel mar Egeo © ARIS MESSINIS/AFP/Getty Images

11 febbraio 2016

Amnesty International ha sollecitato le forze della Nato che stanno per iniziare le operazioni di ricerca e soccorso nel mar Egeo ad agire nel rispetto del diritto internazionale a non rimandare illegalmente in Turchia le persone salvate.

Secondo quanto dichiarato dalla Nato l'11 febbraio, la Nato invierà tre navi nell'Egeo per aiutare a "fermare i flussi" di rifugiati e migranti verso l'Europa e per sorvegliare le attività dei trafficanti, delle reti criminali e degli attraversamenti irregolari verso la Grecia.

"Centinaia di rifugiati, tra cui molti bambini, sono morti dall'inizio dell'anno lungo la pericolosa rotta che attraversa l'Egeo. Ogni nave della Nato che dovesse incrociare un'imbarcazione in difficoltà dovrà fornire immediata assistenza allo scopo di salvare vite umane" - ha dichiarato Iverna McGowan, direttrice dell'Ufficio di Amnesty International presso l'Unione europea.

"In alcun modo, le forze della Nato dovranno diventare un ulteriore ostacolo tra i rifugiati e la protezione internazionale cui hanno diritto. Intercettare i rifugiati mentre cercano di raggiungere l'Europa e rimandarli in Turchia, paese che già ne ospita due milioni e mezzo, costituirebbe una grave violazione del diritto d'asilo e una beffa nei confronti del diritto internazionale" - ha aggiunto McGowan.

L'Europa, secondo Amnesty International, dovrebbe invece attuare, ingrandendone la portata, il proposito di reinsediare i rifugiati che si trovano in Turchia. Prevedere percorsi legali e sicuri è l'unico modo per dissuadere le persone dal tentativo di entrare irregolarmente in Europa attraverso viaggi pericolosi" - ha concluso McGowan.