Task Force

Fermiamo insieme l’odio online
Negli ultimi anni, l‘ondata di violenza verbale e odio non ha smesso di crescere, sfociando spesso in comportamenti discriminatori e violenti.
La nostra Task Force Hate Speech è nata per rendere il web un posto migliore attraverso un lavoro di monitoraggio e risposta su temi specifici.
Chi entra a far parte della Task Force, ha l’opportunità di formarsi con esperti e professionisti che preparano ad affrontare in maniera più efficace i discorsi d’odio sui forum e le sezioni di commenti dei quotidiani online e i loro profili social.
Vuoi dedicare qualche ora del tuo tempo a combattere l’odio online e creare uno spazio più sicuro? Allora candidati subito, c’è tempo fino al 4 aprile!


Come candidarsi?

Per candidarsi è necessario inviare una mail all’Ufficio Attivismo con oggetto “Attivista Task Force Hate Speech” all’indirizzo action@amnesty.it (le candidature inviate ad altri indirizzi e-mail non saranno prese in considerazione) allegando i seguenti documenti:

  1. curriculum vitae contenente l’autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento generale sulla protezione dei dati (2016/279);
  2. cover letter contenente un’autovalutazione delle caratteristiche sopra descritte;

Assicurarsi che i file siano in formato PDF e che i nomi siano  “nome cognome CV”, “nome cognome CL”.

Scarica il bando completo

 

In questi anni abbiamo avviato alcuni progetti per sperimentare nuove forme di attivismo, in grado di far fronte e di rispondere alle sfide e ai cambiamenti attuali.

Questi progetti si sono concretizzati nei gruppi di lavoro Task Force, formati da attiviste ed attivisti che seguono una precisa modalità d’azione: specializzata e reattiva, in grado di garantire una risposta rapida ed efficace in determinate situazioni d’intervento in Italia.

Esperti, formatori e professionisti offrono ai nostri attivisti una formazione che li consenta un intervento efficace.

Le Task Force attualmente attive sono tre ed operano ogni giorno per contrastare e monitorare le forme di odio, discriminazione ed ingiustizia, in un’ottica di difesa dei diritti umani.

Una task force contro i discorsi d'odio (hate speech)

I discorsi d’odio online, amplificati dai social network, sono la nuova linea di confine per chi si attiva e combatte in difesa dei diritti umani.

Un nuovo attivismo consapevole, determinato e organizzato è necessario per difendere con equilibrio, fermezza e competenza le vittime (dirette e indirette) di questa nuova ondata di violenza verbale e odio.

Per contrastare chi cerca, ogni giorno di più, di legittimare online comportamenti discriminatori, violenti e antisociali, è stato avviato un percorso di formazione rivolto ad un gruppo di lavoro specializzato nel monitoraggio e nell’attivazione contro i discorsi d’odio online: la Task Force Hate Speech.

Migrazione, islamofobia, minoranze etniche, questioni di genere e LGBTI sono stati gli argomenti che abbiamo individuato come i “temi caldi” su cui attivare il nostro lavoro di monitoraggio e risposta.

Terreno d’azione principale sono stati i forum e le sezioni di commenti dei quotidiani online e i loro profili social.

 

La TASK FORCE “Ricerca-Azione”

Il Gruppo di lavoro “Ricerca-Azione” rappresenta uno dei modi con cui la Sezione Italiana di Amnesty International si propone di conseguire l’obiettivo strategico di diventare più ampia, incisiva e inclusiva, diversificando le forme di attivismo e di mobilitazione della società civile con particolare attenzione all’attivismo specializzato nonché ai beneficiari dell’azione di Amnesty International.

L’ambito in cui il Gruppo di lavoro Ricerca-Azione, una volta selezionato, si sperimenterà per primo, è  quello del sistema dell’accoglienza. Il territorio nazionale infatti appare particolarmente disomogeneo in riferimento a sistemi di accoglienza, sistemi di accesso a servizi pubblici, reti sociali, tale oggetto di ricerca dovrà essere indagato in prospettiva multifocale limitando l’indagine ad ambiti territoriali circoscritti con la possibilità di rivolgere la propria azione ad una molteplicità di attori.

 

 

Task force osservatori

La Task Force Osservatori è un nuovo progetto che vede impegnato un gruppo di lavoro nell’osservazione, monitoraggio e la documentazione di alcune situazioni pubbliche a rischio di violazioni dei diritti umani in Italia.

Gli osservatori rappresentano una delle risposte per contrastare il crescente aumento di odio che, come riportato nel nostro rapporto annuale, si è manifestato in Italia attraverso episodi di discriminazione, violenza e violazioni dei diritti umani – tra i quali il diritto di asilo, diritto all’alloggio e diritti delle minoranze etniche, nonché in alcune situazioni di tensione all’interno delle manifestazioni pubbliche.

L’attività del gruppo di lavoro è focalizzata su un percorso strutturato di formazione, attivazione e intervento, attraverso il monitoraggio, l’osservazione diretta e reportistica (report scritti, registrazioni audio-video, fotografie) degli eventi durante lo svolgimento di determinate situazioni pubbliche che possono rappresentare contesti di crisi e violazioni di diritti umani.

Entra in azione, candidati ora!

  • Acconsento al trattamento dei miei dati personali per essere contattato/a con strumenti automatizzati (es. email, sms, fax, notifiche push, piattaforme di messaggistica istantanea o social network) e non automatizzati (es. telefono con operatore e posta cartacea), al fine di ricevere informazioni sulle campagne, anche di raccolta fondi e/o firme per appelli, dell'associazione Amnesty International Sezione Italiana. Informativa privacy