Task force hate speech, contrasta con noi l'odio online

Task force

 

In questi anni abbiamo avviato alcuni progetti per sperimentare nuove forme di attivismo, in grado di far fronte e di rispondere alle sfide e ai cambiamenti attuali.

Questi progetti si sono concretizzati nei gruppi di lavoro Task Force, formati da attiviste ed attivisti che seguono una precisa modalità d’azione: specializzata e reattiva, in grado di garantire una risposta rapida ed efficace in determinate situazioni d’intervento in Italia.

Le Task Force attualmente attive sono tre ed operano ogni giorno per contrastare e monitorare le forme di odio, discriminazione ed ingiustizia, in un’ottica di difesa dei diritti umani.

Una task force contro i discorsi d’odio (hate speech)

I discorsi d’odio online, amplificati dai social network, sono la nuova linea di confine per chi si attiva e combatte in difesa dei diritti umani.

Un nuovo attivismo consapevole, determinato e organizzato è necessario per contrastare con equilibrio, fermezza e competenza e difendere le vittime (dirette e indirette) di questa nuova ondata di violenza verbale e odio.

Per contrastare chi cerca ogni giorno di più di legittimare online comportamenti discriminatori, violenti e antisociali, è stato avviato un percorso di formazione rivolto ad un gruppo di lavoro specializzato nel monitoraggio e nell’attivazione contro i discorsi d’odio online: la Task Force Hate Speech.

Migrazione, islamofobia, minoranze etniche, questioni di genere e LGBTI sono stati gli argomenti che abbiamo individuato come i “temi caldi” su cui attivare il nostro lavoro di monitoraggio e risposta.

Terreno d’azione principale sono stati i forum e le sezioni di commenti dei quotidiani online e i loro profili social.

Task force osservatori

La Task Force Osservatori è un nuovo progetto che vede impegnato un gruppo di lavoro nell’osservazione, monitoraggio e la documentazione di alcune situazioni pubbliche a rischio di violazioni dei diritti umani in Italia.

Gli osservatori rappresentano una delle risposte per contrastare il crescente aumento di odio che, come riportato nel nostro rapporto annuale, si è manifestato in Italia attraverso episodi di discriminazione, violenza e violazioni dei diritti umani – tra i quali il diritto di asilo, diritto all’alloggio e diritti delle minoranze etniche, nonché in alcune situazioni di tensione all’interno delle manifestazioni pubbliche.

L’attività del gruppo di lavoro è focalizzata su un percorso strutturato di formazione, attivazione e intervento, attraverso il monitoraggio, l’osservazione diretta e reportistica (report scritti, registrazioni audio-video, fotografie) degli eventi durante lo svolgimento di determinate situazioni pubbliche che possono rappresentare contesti di crisi e violazioni di diritti umani.

La nostra formazione

Esperti, formatori e professionisti offrono ai nostri attivisti una formazione che li consenta un intervento efficace.

Al momento non ci sono bandi aperti, ma se vuoi lasciarci i tuoi contatti, ti invieremo un’email appena si apriranno nuove opportunità.