1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

Vertice Unione europea - Turchia: "Non ignorare i diritti dei rifugiati"

CS37 - 7 marzo 2016

Un rifugiato siriano alla frontiera di Akcakale, Turchia - 15 giugno 2015 - Foto REUTERS/Umit Bektas

In occasione del vertice tra Unione europea e Turchia in programma oggi a Bruxelles, Amnesty International ha dichiarato che il tentativo dei leader europei di usare la Turchia come guardiano della loro frontiera per fermare i flussi di richiedenti asilo e rifugiati è un pericoloso e deliberato stratagemma per aggirare le responsabilità rispetto alle persone in fuga dalla guerra e dalla persecuzione.

Anziché condividere le responsabilità per la protezione e l'assistenza, le iniziative dell'Unione europea per affrontare la crisi dei rifugiati hanno per obiettivo la garanzia che i richiedenti asilo e i rifugiati rimangano in Turchia.  

"Usare la Turchia come 'paese terzo sicuro' è un'assurdità. Molti rifugiati vi vivono in condizioni terribili, alcuni sono stati rimandati in Siria e le forze di sicurezza aprono persino il fuoco contro i siriani che cercano di attraversare la frontiera" - ha dichiarato Gauri van Gulik, vicedirettrice del programma Europa e Asia centrale di Amnesty International.

"L'Europa ha il dovere assoluto di proteggere i rifugiati e deve prendere con urgenza la coraggiosa decisione di dare rapidamente priorità ai rensediamenti, senza condizioni in cambio" - ha aggiunto van Gulik.

Amnesty International ha accertato detenzioni illegali e deportazioni di richiedenti asilo e rifugiati da parte della Turchia da quando, nell'ottobre 2015, è stato approvato il Piano d'azione congiunto con l'Unione europea. Amnesty International continua a ricevere segnalazioni di rimpatri forzati di rifugiati dalla Turchia in Siria.

Nonostante gli importanti sforzi della Turchia di offrire accoglienza ai rifugiati siriani, molti di essi vivono in condizioni disperate e centinaia di migliaia di bambini siriani non sono inseriti nel sistema educativo ufficiale. I richiedenti asilo provenienti da altri paesi affrontano problemi simili e restano in un limbo giuridico senza che la loro domanda d'asilo venga esaminata.   

L'Unione europea si è impegnata a dare alla Turchia tre miliardi di euro nell'ambito del Piano d'azione congiunto sull'immigrazione. 

"Se l'Unione europea arriverà a dare alla Turchia questa somma enorme e assai necessaria, dovrà ottenere piena garanzia che verrà investita per dare assistenza ai rifugiati e pretendere che sia posta fine alle violazioni dei diritti umani" - ha sottolineato van Gulik. 

La Turchia ospita il maggior numero di rifugiati al mondo, tre milioni. Decine di migliaia di siriani hanno raggiunto la frontiera, che provano a varcare in cerca di salvezza. Secondo l'Alto commissariato Onu per i rifugiati, il 91 per cento delle persone partite dalla Turchia verso la frontiera marittima della Grecia dal 1° gennaio 2016 provengono da Siria, Afghanistan o Iraq e dunque è estremamente probabile che necessitino di protezione internazionale. 

"Troviamo inaccettabile pretendere che la responsabilità sui richiedenti asilo e sui rifugiati ricada interamente su un paese che già ospita tre milioni di rifugiati" - ha concluso van Gulik. 

 
 

Per interviste:
Amnesty International Italia - Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 - cell. 348 6974361
email: press@amnesty.it