Italia – Una china pericolosa per i diritti umani: il caso Iuventa

4 Agosto 2021

Tempo di lettura stimato: 2'

L’Italia, dalla fine del 2016, insieme ad altri paesi dell’Unione Europea e con il sostegno delle istituzioni dell’UE, ha creato un ambiente ostile per i difensori dei diritti umani e le organizzazioni della società civile che svolgono missioni di soccorso in mare, con l’obiettivo di ridurre il numero di persone che raggiungono l’Europa in cerca di protezione o di una vita migliore. Il procedimento penale nei confronti dell’equipaggio della Iuventa – la nave di soccorso tedesca dell’Ong Jugend Rettet – sta diventando sempre più una cartina di tornasole della capacità e della volontà delle autorità italiane di fermare l’abuso del diritto penale per dissuadere i difensori dei diritti umani dall’assistere rifugiati e migranti in mare.

Amnesty International chiede alle autorità italiane di chiudere il caso contro l’equipaggio di Iuventa e le altre Ong; e fermare ogni criminalizzazione dei difensori dei diritti umani e proteggere le loro attività, anche rivedendo la definizione del reato di facilitazione dell’ingresso irregolare.

 

 Scarica il briefing completo