1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

Campagne e temi

Campagne

 

Stop alla tortura
Il diritto a essere liberi dalla tortura e da altri trattamenti o punizioni crudeli, disumani e degradanti è tra i diritti umani più saldamente protetti dal diritto internazionale. Nonostante la Convenzione dell'Onu contro la tortura del 1984, la tortura è ancora oggi molto diffusa.

 
 

My Body My Rights
Prendere decisioni sulla propria salute, il proprio corpo, la propria sessualità e la propria vita riproduttiva senza paura, coercizione, violenza o discriminazione è un diritto umano. Tuttavia l'esercizio dei diritti sessuali e riproduttivi in diversi paesi è controllato da stato, operatori sanitari o dalla famiglia attraverso leggi e sanzioni penali.

 
 

Armi, violazioni dei diritti umani e conflitti armati
Ogni giorno, migliaia di persone vengono uccise, ferite o costrette a fuggire dalle loro case a causa della violenza e dei conflitti armati.
La maggior parte delle vittime nei conflitti armati sono civili. Armi come i missili distruggono ospedali, case, mercati e sistemi di trasporto, spingendo i sopravvissuti nella povertà. La vita delle persone viene distrutta.

 
 

Sos Europa
La risposta dell'Europa ai flussi migratori si basa su politiche e prassi di controllo delle frontiere che mettono a rischio la vita di migranti, rifugiati e richiedenti asilo, piuttosto che sulla necessità di salvare vite umane e garantire protezione a chi fugge da guerre e persecuzioni. L'Europa deve invertire la rotta nella direzione dei diritti umani.

 
 
Cappio per le impiccagioni ©APGraphicsBank

No alla pena di morte
La pena capitale è una violazione dei diritti umani fondamentali, che non può offrire alcun contributo costruttivo agli sforzi della società nella lotta contro il crimine violento ed è priva di effetto deterrente.

 
 
Yezidi, Iraq ©Archivio privato

2014: la crisi in Iraq
La recente diffusa violenza in Iraq è scoppiata in seguito ai combattimenti avvenuti tra l'esercito iracheno e il gruppo armato di opposizione, lo Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isis), durante il fine settimana del 7 giugno a Mosul, la seconda città dell'Iraq. 

 
 
attacchi aerei a Gaza ©EPA

2014: la crisi a Gaza
La situazione in Israele e nei Territori palestinesi occupati è precipitata velocemente dopo il rapimento e l'omicidio dei tre studenti di Yeshiva, e il rapimento e l'omicidio di un adolescente palestinese. Si è giunti ad un conflitto armato tra Israele e Hamas e altri gruppi armati. E' necessario uno STOP immediato degli attacchi contro i civili e porre fine alle vittime su entrambi i lati del conflitto.

 
 
 

Semestre europeo - presidenza italiana
In occasione della presidenza italiana dell'Unione europea Amnesty International ha rivolto le sue Raccomandazioni in materia di diritti umani da accogliere ed applicare perché l'Europa promuova realmente i diritti umani. 

 
Abitanti di Bhopal durante una celebrazione, India 2004 ©Maude Dorr

Io pretendo dignità
I diritti umani devono essere posti al centro della lotta contro la povertà, perché proteggere i diritti di chi vive in povertà non è solo un'opzione: è un elemento essenziale di qualunque soluzione.

 
 
Gay Pride a Roma, 2007 ©AI

Per un'Europa senza discriminazione
In Europa milioni di persone subiscono esclusione sociale, povertà, maltrattamenti e violenza, per quello che sono, quello che si presume siano o ciò in cui credono. Tutti gli stati devono garantire parità di trattamento e combattere la persecuzione, l'esclusione e la discriminazione sulla base di sesso, razza od origine etnica, nazionalità, religione, orientamento sessuale, di genere o su altri aspetti relativi all'identità e alla coscienza di ogni individuo.

 
 

Altre azioni su temi e paesi


Disegno di un bambino sul tema delle sparizioni forzate ©AI

30 agosto - Giornata internazionale degli scomparsi
In occasione del 30 agosto, Giornata internazionale degli scomparsi, Amnesty International ricorda le vittime di sparizione forzata e chiede giustizia per loro e per le loro famiglie. Partecipa alle nostre azioni!

 
 
Alcune barche di migranti ©Simone Perolari

Diritti dei migranti e dei rifugiati
Ogni anno migliaia di persone muoiono nel tentativo di raggiungere un altro paese e, tra coloro che arrivano a destinazione, in molti incontrano abusi alla frontiera o all'interno del territorio, tra cui la detenzione arbitraria, le espulsioni collettive, la discriminazione, il razzismo e la xenofobia.

 
 
Gaza, 21 gennaio 2009 ©AI

Conflitto a Gaza e nel sud di israele
Nel corso del recente conflitto nella Striscia di Gaza e nel sud d'Israele hanno perso la vita circa 1.300 palestinesi, la maggior parte dei quali civili, tra cui più di 300 bambini, e 13 israeliani, tre dei quali civili. Attivati insieme ad Amnesty!

 
 
'Fantasmino', il logo della campagna

"Non aver paura, apriti agli altri, apri ai diritti"
Campagna sociale contro il razzismo, la paura e i pregiudizi promossa da 27 organizzazioni, tra cui l'Alto Commissariato Onu per i Rifugiati, numerose associazioni laiche e religiose, insieme a Ong internazionali e ai principali sindacati. Obiettivo della campagna è favorire la conoscenza reciproca e il dialogo, abbattendo i pregiudizi e gli stereotipi.

 

Archivio campagne


martelletto del giudice su bandiera statunitense ©APGraphicsBank

Più diritti più sicurezza
I governi e l'opinione pubblica devono ripensare le strategie fallimentari della "guerra al terrore", il rispetto dei diritti umani è la condizione essenziale per il raggiungimento di una autentica sicurezza globale.

 
 
Agenti di polizia in piazza Tienanmen ©Dubin

Pechino 2008: Olimpiadi e diritti umani in Cina
La campagna richiama la Cina al rispetto degli impegni assunti in occasione dell'assegnazione dei Giochi olimpici e promuove riforme sostanziali in materia di diritti umani.

 
 
manifestazione di donne al Cairo, Egitto

Mai più violenza sulle donne
La campagna Mai più violenza sulle donne, lanciata nel maggio 2004, affronta le diverse violazioni dei diritti delle donne: dalla violenza domestica alla tratta, dagli stupri durante i conflitti alle mutilazioni genitali.