14 e 17 febbraio: video chat sulla situazione dei diritti umani in Iran, Bahrein e Libia - Amnesty International Italia

14 e 17 febbraio: video chat sulla situazione dei diritti umani in Iran, Bahrein e Libia

16 febbraio 2012

Tempo di lettura stimato: 3'

Il 14 febbraio 2011, la richiesta di diritti e libertà che attraversava la regione dell’Africa del Nord e del Medio Oriente è tornata laddove, nel giugno 2009, era nata: in Iran.

Un anno fa, molte persone scesero nelle strade di Teheran e di altre città rispondendo all’appello dei leader dell’opposizione Mir Hossein Mousavi e Mehdi Karroubi, per dimostrare la loro solidarietà per coloro che stavano prendendo parte alle proteste di massa in Egitto e Tunisia. Le autorità risposero con la forza, uccidendo almeno due persone quel giorno e un’altra persona nei giorni seguenti. Mir Hossein Mousavi e Mehdi Karroubi furono posti agli arresti domiciliari senza capi d’accusa né un processo.

Da quello stesso giorno, piazza della Perla a Manama, la capitale del Bahrein è diventata il simbolo della resistenza e della speranza, mentre le forze di sicurezza, col supporto di truppe dell’Arabia Saudita e del Kuwait, iniziavano a stroncare le proteste pacifiche.

Il 17 febbraio, in Libia, iniziano proteste non violente che avrebbero poi lasciato il posto a un conflitto, in cui l’intervento armato internazionale ha fatto pendere l’ago della bilancia contro il regime oppressivo del colonnello Muammar Gheddafi.

A un anno di distanza da quegli eccezionali eventi, cosa è cambiato in Iran, Bahrein e Libia?

Qual è la situazione dei diritti umani in Iran a 33 anni dalla rivoluzione islamica? Gli impegni assunti dal re del Bahrein e dalle nuove autorità libiche porteranno a riforme profonde tali da impedire il ripetersi delle violazioni dei diritti umani del passato? Di tutto questo e del tema delle migliaia di rifugiati, richiedenti asilo e migranti che hanno cercato di arrivare in Europa per trovare un rifugio sicuro durante le rivolte e i conflitti dell’Africa del Nord e del Medio Oriente, ne parleremo nel corso di due video chat, che si terranno il 14 e il 17 febbraio.

17 febbraio  (17.30 -18.30): video chat ‘L’eredità del passato incombe sulla ‘nuova’ Libia’

Interverrano Stefano Liberti, coautore del documentario sul tema dell’immigrazione ‘Mare chiuso’, di prossima uscita, e Giusy D’Alconzo, direttrice dell’Ufficio Campagne e ricerca della Sezione Italiana di Amnesty International.

Segui le video chat su www.amnesty.it e sulla pagina Facebook di Amnesty International Italia, i nostri risponderanno in diretta alle domande che saranno poste durante la video chat. Le domande possono essere inviate già da ora all’indirizzo: videochat@amnesty.it.