20 giugno, Giornata mondiale del rifugiato - Amnesty International Italia

20 giugno, Giornata mondiale del rifugiato

19 giugno 2015

Tempo di lettura stimato: 3'

Sabato 20 giugno, Giornata mondiale del rifugiato, Amnesty International Italia prenderà parte alla manifestazione nazionale promossa a Roma da numerose organizzazioni impegnate nella difesa dei diritti umani di migranti e rifugiati.

Sarà l’occasione per ribadire le nostre preoccupazioni e raccomandazioni alle autorità italiane ed europee affinché le politiche in materia di immigrazione e asilo mettano al centro la protezione delle persone invece delle frontiere e anche per sostenere la società civile che quotidianamente si impegna per offrire una vita dignitosa a migranti, rifugiati e richiedenti asilo in Italia, da Ventimiglia alle stazioni ferroviarie di Roma e Milano‘ – ha dichiarato Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia.

Quella in corso è la peggiore crisi dei rifugiati dalla Seconda guerra mondiale. Un milione di rifugiati ha bisogno urgente di protezione internazionale. Nel mar Mediterraneo sono annegate 3500 persone nel 2014 e 1865 dall’inizio del 2015. Quanto ancora dovremo aspettare perché l’Europa cessi di privilegiare politiche egoistiche sulla pelle dei rifugiati e metta finalmente i diritti fondamentali e la solidarietà internazionale al centro della propria azione politica, dimostrando di essere all’altezza dei valori su cui è stata fondata?‘ – ha aggiunto Marchesi.

Lunedì 15 giugno, alla vigilia della Giornata mondiale del rifugiato, Amnesty International ha presentato a Beirut un rapporto nel quale accusa i leader della comunità internazionale di aver condannato milioni di rifugiati a un’esistenza insopportabile e migliaia di loro a morte, non fornendo loro l’indispensabile protezione umanitaria. Il rapporto intitolato ‘La crisi globale dei rifugiati: una cospirazione dell’abbandono‘ descrive le indicibili sofferenze di milioni di rifugiati, dal Libano al Kenya, dal mar delle Andamane al mar Mediterraneo e sollecita un cambio radicale nell’approccio del mondo ai rifugiati.