8 marzo: le iniziative della Sezione Italiana di Amnesty International - Amnesty International Italia

8 marzo: le iniziative della Sezione Italiana di Amnesty International

7 marzo 2006

Tempo di lettura stimato: 4'

CS 27-2006: 08/03/2006

In occasione dell’8 marzo, la Sezione Italiana di Amnesty International organizza una serie di iniziative volte a sensibilizzare l’opinione pubblica su una delle piaghe più vergognose dei nostri tempi: le violazioni dei diritti umani delle donne.

Su questo tema, Amnesty International ha lanciato nel 2004 la campagna ‘Mai più violenza sulle donne’ e, nelle prossime settimane, sarà impegnata in un’azione volta a contrastare la violenza domestica in Francia, paese in cui – secondo una recente ricerca dell’organizzazione per i diritti umani – ogni quattro giorni una donna muore per mano del proprio partner. Considerata per troppo tempo come un affare meramente privato, la violenza sulle donne è in realtà un affare di Stato. La ricerca di Amnesty International si concentra soprattutto sulle violenze subite dalle donne nell’ambito delle relazioni intime e della tratta ai fini di prostituzione e fa il punto sulle risposte che le autorità francesi non hanno saputo dare alle vittime. ‘Fino a quando questa violenza sarà occultata o minimizzata, fin tanto che non sarà sufficientemente presa in carico dalle autorità francesi e riconosciuta come la reale posta in gioco per tutta la società, essa non avrà fine. Solo così, la Francia, riconosciuta come patria dei diritti dell’uomo lo sarà anche per quelli delle donne’ ha dichiarato, Prune de Montvalon, l’autrice della ricerca.

Le principali iniziative della Sezione Italiana di Amnesty International in programma l’8 marzo sono le seguenti:

Firenze: Seminario ‘La violenza domestica: un male nascosto, una violazione dei diritti fondamentali delle donne’, in collaborazione con la Commissione Regionale Toscana per le pari opportunità uomo-donna e l’associazione Artemisia – Centro donne contro la violenza ‘Catia Franci’ (Auditorium della Regione Toscana, via Cavour 4 , dalle 14.30 alle 18.30);

uscita sul territorio nazionale del film ‘Moolaadé’ di Sembene Ousmane (distribuzione: Lucky Red, patrocinio di Amnesty International). Il film del pluripremiato regista senegalese racconta la vittoriosa rivolta delle donne di un villaggio contro la pratica delle mutilazioni genitali femminili.

Milano: presentazione del libro fotografico ‘Italiane. Cinquant’anni di storia italiana al femminile’ di Gianni Berengo Gardin (Nuovo Spazio Guicciardini, via Melloni 3, ore 11). Il volume inaugura la nuova serie di libri fotografici dell’editore di Amnesty International, EGA di Torino. Oltre all’autore sarà presente Lella Costa, autrice della prefazione.

Roma: in collaborazione con gli Assessorati alle Pari Opportunità e alle Politiche Educative del Comune di Roma, l’evento finale per gli studenti e le studentesse della città che hanno partecipato alle attività sui diritti delle donne all’interno del progetto per le scuole ‘Rome for Women’. A conclusione di un lungo anno di lavoro, a partire dalle 10.30, il Consiglio Comunale di Roma si riunirà in seduta straordinaria e il sindaco Walter Veltroni premierà, nella Sala Giulio Cesare del Campidoglio, tutte le classi che hanno contribuito a promuovere e difendere i diritti delle donne nelle città. Tutti i progetti realizzati dalle scuole saranno esposti in una mostra all’interno della Protomoteca.

FINE DEL COMUNICATO                                                   Roma, 8 marzo 2006

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224, cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it