A rischio la salute di Nasrin Sotoudeh, premio Sakharov 2012 - Amnesty International Italia

A rischio la salute di Nasrin Sotoudeh, premio Sakharov 2012

26 ottobre 2012

Tempo di lettura stimato: 2'

Nasrin Sotoudeh, avvocata iraniana per i diritti umani in carcere dal settembre 2010 per scontare una condanna a sei anni, ha vinto il premio Sakharov per i diritti umani e la libertà di pensiero dell’Unione europea.

Amnesty International teme per le sue condizioni di salute, a rischio a causa dello sciopero della fame che la detenuta sta portando avanti per protestare contro il divieto, in vigore da tre mesi, di incontrare faccia a faccia la figlia di 13 anni e il figlio di cinque anni. Da quando hanno scoperto che aveva usato un fazzoletto per passare all’esterno una memoria difensiva, le autorità iraniane hanno consentito visite solo attraverso una vetrata.

Sotoudeh ha iniziato lo sciopero della fame il 16 ottobre e sei giorni dopo è stata ricoverata nella struttura medica interna al carcere di Evin, nella capitale Teheran.

Quello di Nasrin Sotoudeh sarà uno dei casi di attiviste per i diritti umani al centro della nuova campagna di sms solidale di Amnesty International Italia, dal titolo ‘Io sono la voce’, in favore delle donne in Medio Oriente e Africa del Nord, che sarà lanciata lunedì 29 ottobre e durerà fino al 25 novembre.

Firma l’appello per Nasrin Sotoudeh!

FINE DEL COMUNICATO                                                                               Roma, 26 ottobre 2012

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail press@amnesty.it