Aborto ed educazione sessuale: Polonia deve fare marcia indietro

Aborto ed educazione sessuale: le proteste spingono il Parlamento polacco a fare marcia indietro

17 aprile 2020

Tempo di lettura stimato: 2'

Forse i parlamentari polacchi puntavano sulla distrazione e sul lockdown. Con le persone chiuse in casa, immaginavano che sarebbe stato più semplice approvare due proposte di legge che avrebbero ulteriormente ristretto l’accesso ai servizi di aborto e vietato l’educazione sessuale nelle scuole.

Le proteste invece ci sono state: virtuali sì, ma anche fisiche. Forti, creative, rumorose e nel pieno rispetto delle norme anti-assembramento e del distanziamento sociale. Così il Parlamento ha deciso di rinviare i testi in commissione, per ulteriori approfondimenti.

Se approvata, la prima proposta di legge impedirebbe l’interruzione di gravidanza in caso di malformazioni congenite del feto e lascerebbe legale l’aborto solo in caso di stupro, incesto o quando la salute del bambino o della madre è compromessa.

La seconda renderebbe praticamente impossibile informare i giovani su questioni come il consenso, la contraccezione e la prevenzione di infezioni a trasmissione sessuale.

Le buone notizie di Amnesty International Italia sono anche su Pressenza.