Afghanistan, 11 bambini muoiono di freddo nei campi profughi - Amnesty International Italia

Afghanistan, 11 bambini muoiono di freddo nei campi profughi

22 gennaio 2013

Tempo di lettura stimato: 2'

Nel mese di gennaio, il freddo ha ucciso almeno 17 persone tra cui 11 bambini nei campi allestiti per ospitare gli sfollati interni dell’Afghanistan. Amnesty International, come già fece un anno fa, ha sollecitato maggiori aiuti umanitari per superare i mesi invernali senza ulteriori tragedie. Le organizzazioni locali hanno più volte criticato il governo afgano e la comunità internazionale per l’irregolarità e l’inadeguatezza dell’assistenza fornita agli sfollati: niente cibo e riserve per il riscaldamento insufficienti per affrontare tutto l’inverno.

Le 17 vittime si sono registrate nei campi delle province di Kabul ed Herat.

Amnesty International ha parlato coi rappresentanti degli sfollati di un campo della provincia di Balkh. Questi, sotto la neve e con scarso cibo, hanno riferito di non aver ricevuto alcun aiuto, nonostante le ripetute richieste al governo e alle agenzie internazionale.

Nella provincia di Herat, secondo quanto appreso da Amnesty International, l’assistenza privilegia i rifugiati che rientrano in Afghanistan dall’estero, mentre quella ai profughi interni verrebbe ostacolata dalle autorità locali, secondo le quali più aiuti si forniscono e meno si incentivano gli sfollati a fare rientro nelle loro zone di provenienza.

Nell’inverno 2011-12 il freddo aveva provocato oltre 100 morti, per lo più bambini.