Al cantante egiziano in esilio Ramy Essam il premio "Grup Yorum" 2020 - Amnesty International Italia

Al cantante egiziano in esilio Ramy Essam il premio “Grup Yorum” 2020

27 Dicembre 2020

Tempo di lettura stimato: 2'

Ramy Essam, il cantante egiziano in esilio protagonista della “rivoluzione del 25 gennaio” 2011, è il vincitore della prima edizione del premio “Grup Yorum” del Club Tenco in collaborazione con Amnesty International Italia. Il premio, intitolato al celebre gruppo musicale della Turchia tre dei cui componenti sono deceduti al termine di lunghi scioperi della fame per protestare contro il divieto di svolgere concerti e la detenzione di loro colleghi, intende premiare ogni anno un artista che si è distinto nell’attivismo in favore dei diritti umani.

Per aver contribuito, con i testi e le immagini, al brano “Balaha” (“Dattero”) , alcuni amici di Ramy Essam si trovano nelle carceri egiziane e uno di loro, Shady Habash, è deceduto il 1° maggio 2020 nella prigione di Tora al Cairo per diniego di cure mediche.

La cerimonia di conferimento del premio a Ramy Essam sarà trasmessa su Rai3 il prossimo 28 dicembre in seconda serata nel programma speciale dedicato al Tenco2020.