Algeria, parodia della giustizia: condannato a tre anni il giornalista Khaled Drareni - Amnesty International Italia

Algeria, parodia della giustizia: condannato a tre anni il giornalista Khaled Drareni

10 Agosto 2020

Tempo di lettura stimato: 2'

Il 10 agosto il tribunale di Sidi M’hamed ha condannato a tre anni di carcere e a una multa equivalente a oltre 350 euro il giornalista algerino Khaled Drareni, unicamente per aver seguito le manifestazioni del movimento di protesta Hirak, iniziate nel febbraio 2019.

Il tribunale ha inoltre condannato a due anni di carcere l’attivista politico Samir Ben Larbi e il coordinatore nazionale delle famiglie degli scomparsi, Slimane Hamitouche, a causa dei contenuti delle loro pubblicazioni online e per aver preso parte alle proteste.

Drareni, rappresentante di Reporter senza frontiere per l’Algeria, corrispondente da Algeri per l’emittente francese TV5 Monde e fondatore e direttore del portale Casbah Tribune, era in carcere dal 27 marzo. Si trova attualmente nella prigione di El Kolea.

Ben Larbi e Hamitouche, arrestati il 7 marzo, sono stati rilasciati il 2 luglio e attenderanno in libertà l’esito del processo d’appello.