Amnesty International invia firme all'Ambasciata siriana a Roma - Amnesty International Italia

Amnesty International invia firme all’Ambasciata siriana a Roma

24 maggio 2011

Tempo di lettura stimato: 2'

Oggi, mercoledì 25 maggio, 206 sezioni di Amnesty International nel mondo hanno consegnano alle ambasciate siriane le firme raccolte in tutto il mondo per chiedere al presidente Bashar al-Assad di fermare lo spargimento di sangue e per sollecitare il deferimento della situazione in Siria alla Corte penale internazionale.

Tra il 28 aprile e il 18 maggio, sono state raccolte 165.953 firme all’appello, di cui oltre 6000 in Italia. Salil Shetty, Segretario generale di Amnesty International, scriverà al presidente al-Assad,  allegando tutti i nomi di coloro che hanno firmato.

Amnesty International ha ripetutamente chiesto al presidente al-Assad di tenere a freno le sue forze di sicurezza, fermare le uccisioni illegali, le torture e altre gravi violazioni e di portare davanti alla giustizia i responsabili.

Oltre a sollecitare il deferimento della situazione della Siria alla Corte penale internazionale, Amnesty International ha chiesto anche un embargo sulle armi alla Siria e il congelamento degli assetti patrimoniali nei confronti del presidente al-Assad e di tutti coloro che hanno ordinato o commesso gravi violazioni dei diritti umani.

L’organizzazione per i diritti umani ha redatto una lista di oltre 720 persone uccise dalle forze di sicurezza siriane negli ultimi due mesi di proteste.