Amnesty International Italia: “Campagna elettorale preoccupante, con molto linguaggio discriminatorio e d’odio” - Amnesty International Italia

Amnesty International Italia: “Campagna elettorale preoccupante, con molto linguaggio discriminatorio e d’odio”

2 marzo 2018

Tempo di lettura stimato: 2'

Amnesty International Italia: “Campagna elettorale preoccupante, con molto linguaggio discriminatorio e d’odio”

Secondo Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia, “si è conclusa una campagna elettorale deludente e preoccupante: assenti o quasi le questioni riguardanti i diritti umani e il ruolo che l’Italia potrebbe avere per proteggerli a livello internazionale, pronunciate a malapena parole come Siria o Yemen. Presente, dominante, inquietante invece è stato l’uso di un linguaggio discriminatorio, xenofobo, misogino, a volte vero e proprio discorso d’odio. Temiamo che non terminerà con la fine della campagna elettorale”.

“Quel linguaggio lo abbiamo misurato attraverso il nostro barometro dell’odio, che termina a sua volta oggi le attività di monitoraggio sui leader dei principali partiti in competizione, sui candidati ai collegi uninominali delle coalizioni di Centrosinistra, Centrodestra, del Movimento 5 Stelle e di Liberi e uguali e sui candidati presidenti delle regioni Lazio e Lombardia. Questo monitoraggio, discusso in un recente incontro con una delegazione dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa e di cui renderemo pubblici i risultati definitivi a urne chiuse, ci ha confermato come persino chi compete per avere incarichi istituzionali talvolta non si astenga dall’uso di un linguaggio incendiario, che divide anziché unire, che discrimina anziché promuovere l’eguaglianza, che pensa che i migranti siano una minaccia e che i diritti non spettino a tutti”, ha sottolineato Marchesi.

FINE DEL COMUNICATO

Roma, 2 marzo 2018

Il barometro dell’odio è online all’indirizzo:

https://www.amnesty.it/barometro-odio

Per interviste:

Amnesty International Italia – Ufficio Stampa

Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it