Amnesty International contraria alla collaborazione con la guardia costiera libica - Amnesty International Italia

Amnesty International contraria alla collaborazione con la guardia costiera libica

21 giugno 2017

Tempo di lettura stimato: 4'

Amnesty International all’Unione Europea: cooperare con la guardia costiera libica causerà inevitabilmente violazioni dei diritti umani

Alla vigilia del Consiglio europeo del 22 e 23 giugno, Amnesty International ha chiesto ai leader dell’Unione europea di raddoppiare gli sforzi per salvare vite umane nel Mediterraneo e di cessare di cooperare con la Libia prima che nei mesi estivi si verifichi un numero ancora più alto di morti.

“L’Unione europea sta consentendo alla guardia costiera della Libia di riportare migranti e rifugiati sulla terraferma in un paese dove le detenzioni illegali, la tortura e lo stupro sono la regola. Mentre rafforza l’operatività della guardia costiera libica, l’Unione europea chiude gli occhi di fronte ai gravi rischi insiti in questa cooperazione”, ha dichiarato Iverna McGowan, direttrice dell’ufficio di Amnesty International presso le Istituzioni europee.

“I leader europei devono immediatamente porre fine all’esternalizzazione dei controlli di frontiera e alla delega della gestione delle domande d’asilo a paesi terzi che, in alcuni casi, presentano una situazione eccezionalmente negativa dei diritti umani. Incoraggiare i governi di questi paesi a rafforzare i controlli di frontiera può esporre molte altre persone al rischio di subire violazioni dei diritti umani”, ha aggiunto McGowan.

“Piuttosto, i leader europei dovrebbero dare priorità al salvataggio di vite umane, mettendo a disposizione percorsi legali e sicuri per le persone in fuga e investendo tantissimo nello stato di diritto e nella protezione dei diritti umani”, ha proseguito McGowan.

Le operazioni d’intercettamento in mare di migranti e rifugiati da parte della guardia costiera libica spesso non rispettano gli standard internazionali e si basano anche sull’uso delle armi da fuoco. Le persone intercettate in mare vengono riportate sulla terraferma e qui, con poche eccezioni, trasferite in centri di detenzione dove vengono trattenute a tempo indeterminato e sottoposte a torture, pestaggi, stupri e sfruttamento.

Amnesty International continua a chiedere ai leader dell’Unione europea di:

– aprire e ampliare percorsi legali e sicuri per migranti e rifugiati;

– aumentare le attività di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale, in particolare nelle zone dove si verificano i naufragi e in modo commisurato al numero di partenze dall’Africa settentrionale;

– porre fine a ogni forma di cooperazione con le autorità della Libia che contribuisca a riportare migranti e rifugiati sulla terraferma e di conseguenza a rischiare la detenzione a tempo indeterminato, la tortura, lo stupro e ulteriori violenze, concentrandosi invece sull’obiettivo di migliorare la situazione dei diritti umani in quel paese;

– riesaminare l’approccio complessivo alla cooperazione coi paesi terzi in materia d’immigrazione, per assicurare che i diritti dei migranti e dei rifugiati siano protetti in modo adeguato.

FINE DEL COMUNICATO

Roma, 21 giugno 2017

Per interviste:

Amnesty International Italia – Ufficio Stampa

Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it