Amnesty International: il vertice Usa-Russia affronti la deplorevole situazione dei diritti umani nei due paesi del mondo - Amnesty International Italia

Amnesty International: il vertice Usa-Russia affronti la deplorevole situazione dei diritti umani nei due paesi del mondo

11 aprile 2017

Denis Bochkarev / Amnesty International

Tempo di lettura stimato: 5'

Amnesty International ha chiesto al segretario di stato Usa Rex Tillerson di affrontare col suo omologo russo Sergei Lavrov, nella sua prima visita ufficiale a Mosca, oltre agli sviluppi della crisi siriana anche la drammatica situazione dei diritti umani in Russia.

Sia gli Usa che la Russia devono riconoscere la loro parte di colpa per l’incapacità della comunità internazionale di trovare una soluzione al bagno di sangue in Siria. Chiediamo ai due governi di cooperare per porre fine alla paralisi che attanaglia da tempo il Consiglio di sicurezza”, ha dichiarato Sergei Nikitin, direttore di Amnesty International Russia.

Durante la sua visita a Mosca, il segretario di stato Tillerson dovrebbe anche sollevare la questione della vasta negazione dei diritti umani in Russia. Le autorità russe sono responsabili di un lungo elenco di violazioni dei diritti umani, dal divieto di fatto nei confronti dei Testimoni di Geova alla detenzione di manifestanti pacifici, fino all’assenza di indagini sull’attuale campagna di rapimenti, torture e uccisioni di gay in Cecenia”, ha aggiunto Nikitin.

Se il segretario di stato Tillerson non solleverà la questione dei diritti umani in Russia, il messaggio che ne deriverà è che le violazioni dei diritti umani possono essere tollerate per fini politici”, ha dichiarato T. Kumar, direttore dell’advocacy di Amnesty International Usa.

Nei primi mesi del 2017 in Russia c’è stata una nuova ondata di repressione politica, conseguenza diretta di una serie di leggi approvate lo scorso anno che limitano i diritti alle libertà di espressione, di associazione e di manifestazione pacifica.

Il 26 marzo, oltre 1000 manifestanti sono stati arrestati nella sola Mosca e centinaia in altre città della Russia durante una delle più vaste proteste degli ultimi anni. Molti manifestanti sono stati multati o sottoposti a diversi giorni di detenzione amministrativa. Nel corso delle manifestazioni sono stati fermati arbitrariamente almeno 14 giornalisti.

Lo stesso giorno la polizia ha fatto irruzione negli uffici della Fondazione anti-corruzione, arrestando 12 impiegati con accuse pretestuose.

Alla fine di marzo, decine di manifestanti sono stati imprigionati o multati dopo uno sciopero nazionale degli autotrasportatori.

Secondo fonti credibili, in Cecenia oltre 100 gay sono stati rapiti, torturati e in alcuni casi persino uccisi in quella che è apparsa una campagna persecutoria ben orchestrata. Questi rapimenti e uccisioni ricordano quel modello di sparizioni forzate riscontrato nel corso di questi anni nella stessa Cecenia e in altre repubbliche del Caucaso del Nord. Su nessuna di queste sparizioni sono state svolte indagini efficaci.

Molte organizzazioni non governative russe che sono state etichettate come “agenti stranieri” sono sottoposte ad azioni persecutorie. Valentina Cherevatenko, fondatrice e presidente dell’Unione delle donne del Don, è stata la prima persona a essere processata per violazione della “legge sugli agenti stranieri”.

A seguito di una modifica legislativa entrata in vigore nel 2016, per cui ogni forma di proselitismo al di fuori di luoghi autorizzati è vietata, il ministro della Giustizia ha chiesto che la sede centrale e altre 395 strutture regionali dei Testimoni di Geova siano dichiarate “organizzazioni estremiste” e chiuse.

Il segretario di stato Tillerson ha già mostrato la sua riluttanza nel parlare di violazioni dei diritti umani in Russia durante l’audizione confermativa in Senato”, ha commentato Nikitin.

È fondamentale che egli utilizzi questo vertice con la sua controparte russa per adottare misure che pongano fine alla sofferenza della popolazione siriana. Ma le questioni di geopolitica non possono oscurare la realtà della drammatica situazione dei diritti umani all’interno della Russia”, ha concluso Kumar.

FINE DEL COMUNICATO                                                                                 Roma, 11 aprile 2017

Per maggiori informazioni:

capitolo relativo alla Russia tratto dal Rapporto 2016-2017 di Amnesty International

https://www.amnesty.it/rapporti-annuali/rapporto-annuale-2016-2017/europa/russia/

Per interviste:

Amnesty International Italia – Ufficio Stampa

Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it