Russia, Amnesty International scrive all'Alto commissario per gli Affari europei - Amnesty International Italia

Russia, Amnesty International scrive all’Alto commissario per gli Affari europei

3 Febbraio 2021

AFP/Getty Images

Tempo di lettura stimato: 2'

Russia, Amnesty International scrive all’Alto Commissario per gli Affari europei e ai ministri degli Esteri degli Stati dell’Unione Europea

Amnesty International ha sollecitato l’Alto commissario per la politica estera europea Josep Borrell, in vista della sua prossima visita a Mosca, a intraprendere un’azione forte e pubblica a sostegno di coloro che difendono con coraggio i diritti umani in Russia nonostante il crescente livello della repressione.

La medesima richiesta è stata inoltrata ai ministri degli Affari esteri degli stati membri dell’Unione europea.

Sarà fondamentale, a parere di Amnesty International, che l’Alto commissario Borrell utilizzi questa visita per inviare un chiaro segnale che rafforzi la società civile russa e contrasti ogni eventuale percezione che i rapporti con l’Unione europea proseguiranno come prima proprio mentre le autorità russe stanno orchestrando una repressione su scala massiccia nei confronti dei diritti umani e del dissenso.

La visita dell’Alto commissario Borrell avverrà dopo la condanna arbitraria e politicamente motivata dell’attivista dell’opposizione Aleksei Navalny e la violenta soppressione delle proteste che sono state organizzate a livello nazionale dopo il suo arresto.

Migliaia di manifestanti sono stati arrestati durante le proteste, segnate dall’intervento brutale delle forze di polizia, e decine di giornalisti, avvocati e attivisti della società civile sono stati oggetto di “arresti preventivi”, accusati di “reati” di natura amministrativa o posto sotto inchiesta per imputazioni infondate.

Sono state anche effettuate incursioni nelle case e negli uffici di giornalisti e attivisti dell’opposizione compresa la sede della Fondazione anti-corruzione di Aleksei Navalny che aveva denunciato casi di corruzione ad alti livelli in Russia.