Arabia Saudita, dure condanne per 16 riformisti - Amnesty International Italia

Arabia Saudita, dure condanne per 16 riformisti

24 novembre 2011

Tempo di lettura stimato: 2'

Amnesty International ha deplorato le condanne inflitte il 22 novembre nei confronti di 16 noti sostenitori delle riforme in Arabia Saudita. Tra gli imputati condannati a periodi di carcere da cinque a 30 anni per costituzione di un’organizzazione segreta, tentativo di prendere il potere, incitamento contro il re, finanziamento del terrorismo e riciclaggio di denaro, figurano nove persone arrestate nel 2007 per aver provato a fondare un’associazione per la difesa dei diritti umani.

Molti dei condannati hanno trascorso lunghi periodi in isolamento carcerario. Almeno due di essi hanno denunciato di essere stati torturati e uno di loro ha dichiarato di essere stato costretto a confessare sotto tortura. Avvocati e familiari si sono visti negare informazioni sulle accuse per mesi e non hanno potuto presenziare alla maggior parte delle udienze.

Quattordici dei 16 condannati rischiano il divieto di lasciare il paese alla fine della pena; gli altri due, un cittadino dello Yemen e un cittadino della Siria, rischiano l’espulsione.

Attualmente nove condannati sono in libertà su cauzione e sei in carcere. Il sedicesimo, Abdullah al Rifa’i, che era in libertà su cauzione, sarebbe stato arrestato al momento del verdetto per aver riso davanti alla corte.