Arabia Saudita, in un solo giorno messi a morte 47 prigionieri tra cui leader sciita - Amnesty International Italia

Arabia Saudita, in un solo giorno messi a morte 47 prigionieri tra cui leader sciita

1 gennaio 2016

Tempo di lettura stimato: 4'

Secondo Amnesty International, le autorità dell’Arabia Saudita hanno mostrato il loro profondo disprezzo per i diritti umani e la vita mettendo a morte in un solo giorno 47 prigionieri.

Tra coloro che sono stati messi a morte il 2 gennaio figura il noto leader religioso sciita Nimr Baqir al-Nimr, condannato a morte dal Tribunale penale speciale dopo un processo politico viziato da gravi irregolarità. A parte lo sceicco al-Nimr e altri tre attivisti sciiti, gli altri prigionieri messi a morte erano stati condannati per aver preso parte ad azioni terroristiche di al-Qaeda.

‘Le autorità saudite hanno dichiarato che le esecuzioni servono a combattere il terrorismo e a garantire la sicurezza. Ma quella dello sceicco al-Nimr lascia intendere che la pena di morte in Arabia Saudita sia anche usata, con la scusa della lotta al terrorismo, per regolare i conti e stroncare il dissenso’ – ha dichiarato Philip Luther, direttore del programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International.Lo sceicco Nimr al-Nimr era un fervente critico del governo saudita. Era stato condannato a morte nel 2015, insieme ad altri sette attivisti, per aver preso parte nel 2011 a proteste anti-governative nella Provincia orientale, a maggioranza sciita, e aver chiesto riforme politiche.

‘Il 2 gennaio in Arabia Saudita è stato un giorno di sangue, con 47 persone messe a morte, alcune delle quali chiaramente condannate al termine di processi gravemente irregolari. Eseguire condanne a morte a seguito di processi dalla dubbia equità è un atto mostruoso e irreversibile. Le autorità saudite devono dare ascolto alle crescenti critiche della comunità internazionale e porre termine a questa ondata di esecuzioni’ – ha aggiunto Luther.

Tra le persone in attesa dell’esecuzione restano Ali al-Nimr, nipote dello sceicco al-Nimr, Abdullah al-Zaher e Dawood Hussein al-Maroon, tutti minorenni al momento dell’arresto, condannati a morte al termine di processi iniqui e dopo aver subito maltrattamenti e torture. ‘In primo luogo, le autorità saudite dovrebbero annullare la minaccia d’esecuzione nei confronti di persone condannate per reati commessi quando erano minorenni’ – ha sottolineato Luther. Il diritto internazionale vieta l’uso della pena di morte nei confronti di chiunque sia condannato per reati commessi a un’età inferiore ai 18 anni.

L’Arabia Saudita è da tempo uno dei paesi che esegue più condanne a morte al mondo. Tra gennaio e novembre 2015, nel paese sono stati messi a morte almeno 151 prigionieri, il numero più alto dal 1995. In molti casi, gli imputati nei processi per reati che prevedono la pena di morte non hanno accesso a un avvocato e talvolta sono condannati sulla base di ‘confessioni’ estorte coi maltrattamenti e con la tortura.