Arabia Saudita:aumentano le esecuzioni - Amnesty International Italia

Arabia Saudita:aumentano le esecuzioni

21 maggio 2013

Tempo di lettura stimato: 3'

Amnesty International ha sollecitato le autorità dell’Arabia Saudita a fermare l’inquietante aumento delle esecuzioni, salite a 47 dall’inizio dell’anno dopo la decapitazione, seguita da ‘crocifissione’, di cinque yemeniti, all’alba del 21 maggio 2013.

Le immagini diffuse dai social media mostrano cinque corpi decapitati pendenti da una sbarra, con le teste avvolte in dei sacchi. Questa quintupla esecuzione è avvenuta davanti all’università di Jizan, mentre gli studenti stavano facendo gli esami.

ll ministero dell’Interno ha riferito che i cinque uomini messi a morte a Jizan erano colpevoli di aver formato un gruppo armato, aver effettuato rapine a mano armata e aver ucciso un cittadino saudita.

La pratica della ‘crocifissione’ è eseguita su ordine del giudice di esibire i corpi dopo l’esecuzione, con la testa separata qualora siano stati decapitati, con un presunto obiettivo deterrente.

Dall’inizio del 2013 le esecuzioni sono state almeno 47 (12 solo nel mese di maggio): 18 in più rispetto allo stesso periodo del 2012 e 29 in più rispetto allo stesso periodo del 2011. Tra i prigionieri messi a morte nel 2013, almeno 19 erano cittadini stranieri.

L’Arabia Saudita applica la pena di morte per un’ampia sfera di crimini tra cui adulterio, rapina a mano armata, apostasia, droga, contrabbando, sequestro di persona, stupro e stregoneria.

I processi per reati capitali seguono procedure inique: gli imputati  si vedono spesso negare il diritto a un avvocato e non sono informati dei progressi del procedimento legale contro di loro. Possono essere condannati esclusivamente sulla base di confessioni ottenute sotto tortura.

L’Arabia Saudita, inoltre, continua a condannare a morte minorenni al momento del reato, in violazione del diritto internazionale.

Nel gennaio 2013 è stata decapitata Rizana Nafeek una lavoratrice migrante dello Sri Lanka,  giudicata colpevole dell’omicidio di un neonato che le era stato affidato, quando aveva 17 anni. Rizana Nafeek non aveva avuto accesso ad un avvocato e aveva dichiarato di essere stata obbligata a rendere una ‘confessione’ dietro costrizione.

Nel marzo 2013, sette uomini, due dei quali non avevano ancora 18 anni al momento dell’arresto, sono stati sono stati fucilati in una pubblica piazza a Abha. Non erano stati informati ufficialmente della loro esecuzione, ma lo avevano scoperto tramite amici e parenti che gli avevano mandato foto di sette cumuli di sabbia trasportati nella pubblica piazza.