Attacco contro l'ospedale di Medici senza frontiere in Afghanistan - Amnesty International Italia

Attacco contro l’ospedale di Medici senza frontiere in Afghanistan

2 ottobre 2015

Tempo di lettura stimato: 3'

Amnesty International ha deplorato l’attacco compiuto il 3 ottobre contro l’ospedale di Medici senza frontiere di Kunduz, in Afghanistan, e ha sollecitato le autorità di Kabul a indagare urgentemente e in modo imparziale sull’accaduto. Nel corso del bombardamento sono morti almeno nove operatori di Medici senza frontiere, oltre a un numero ancora imprecisato di pazienti. I dispersi sarebbero decine.

Fonti militari statunitensi hanno ammesso che un loro attacco aereo ‘potrebbe aver fatto danni collaterali a una struttura medica nei pressi’ dell’obiettivo. Nei giorni precedenti, Medici senza frontiere aveva fornito le coordinate Gps dell’ospedale a tutte le parti che si stanno scontrando nell’area di Kunduz.

‘Questo è un giorno nero per l’azione umanitaria. Fa tristezza pensare che medici e altri operatori sanitari debbano perdere la vita mentre stanno cercando di salvare quella degli altri. Il diritto internazionale umanitario dice chiaramente che gli ospedali sono  inviolabili’ – ha dichiarato Horia Mosadiq, ricercatrice di Amnesty International sull’Afghanistan. ‘Le nostre profonde condoglianze vanno allo staff di Medici senza frontiere che con coraggio e altruismo ha continuato a operare anche dopo l’inizio degli scontri a Kunduz‘ – ha aggiunto Mosadiq. ‘Occorre un’indagine piena, indipendente e trasparente sul bombardamento di oggi per individuarne le ragioni e gli autori. Le forze armate Usa non dovrebbero affrettare le conclusioni senza prima avere la piena conoscenza dei fatti. Chiediamo a tutte le parti attive nel conflitto di rispettare e proteggere il personale umanitario e le strutture umanitarie e di prendere tutte le misure necessarie per evitare che i civili siano coinvolti‘  – ha concluso Mosadiq.

FINE DEL COMUNICATO         Roma, 3 ottobre 2015

Per interviste:Amnesty International Italia – Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it