Attivista per i diritti umani incinta arrestata in Colombia - Amnesty International Italia

Attivista per i diritti umani incinta arrestata in Colombia

19 novembre 2010

Tempo di lettura stimato: 2'

Carolina Rubio, attivista per i diritti umani, è stata  arrestata il 16 novembre a nord est della città di Bucaramanga con l’accusa di avere legami con le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc).

Carolina Rubio, che è ben oltre l’ottavo mese di gravidanza, fa parte del Movimento nazionale delle vittime di crimini di stato (Movice)  e del Comitato di solidarietà per i  prigionieri politici (Fcspp). Era rientrata lo scorso mese da Bruxelles, dove aveva rappresentato le organizzazioni sociali e per i diritti umani in un incontro di organizzazioni europee e agenzie di sviluppo.

Il suo arresto è avvenuto in un contesto di crescenti preoccupazioni per le uccisioni di difensori dei diritti umani e le minacce nei loro confronti e di altri attivisti della società civile, portate avanti principalmente da gruppi paramilitari.

A quanto pare, le prove a carico di Carolina Rubio sarebbero basate su informazioni anonime. Spesso in Colombia i processi nei confronti dei difensori dei diritti umani si fondano più su prove rese da informatori corrotti che su indizi raccolti nel corso di indagini imparziali.