Aung San Suu Kyi 'Ambasciatore della coscienza' - Amnesty International Italia

Aung San Suu Kyi ‘Ambasciatore della coscienza’

27 luglio 2009

Tempo di lettura stimato: 4'

Ad Aung San Suu Kyi il premio ‘Ambasciatore della coscienza’ di Amnesty International

CS103: 27/07/2009

 Nel corso di una cerimonia svoltasi oggi a Dublino, alla presenza del gruppo rock irlandese U2, Amnesty International ha annunciato il conferimento del premio ‘Ambasciatore della coscienza’ per l’anno 2009 ad Aung San Suu Kyi. Gli U2, vincitori del premio negli anni passati, sono da lungo tempo sostenitori della causa della leader birmana.
 
Questo mese ricorre il ventesimo anniversario dell’arresto di Aung San Suu Kyi. In questo lungo periodo, spesso denso di oscurità, Aung San Suu Kyi è rimasta un simbolo di speranza, coraggio e instancabile difesa dei diritti umani, non solo del popolo di Myanmar ma di chiunque nel mondo‘ – ha dichiarato Irene Khan, Segretaria generale di Amnesty International.
 
Vaclav Havel, primo vincitore nel 2003 del premio ‘Ambasciatore della coscienza’ ha trasmesso il seguente messaggio: ‘So, grazie alla mia stessa esperienza, che l’attenzione internazionale può, in una certa misura, proteggere da punizioni che altrimenti verrebbero inflitte. Per questo, poco dopo essere stato eletto presidente, candidai Aung San Suu Kyi al Nobel per la pace, che poi le venne conferito. Dio solo sa cosa le sarebbe accaduto se la sua vicenda non fosse stata tenuta alla ribalta come di nuovo accade oggi. Ringrazio Amnesty International per la sua scelta e ammiro la solidarietà che voi e gli U2 state mostrando nei confronti di questa donna coraggiosa, ‘l’Ambasciatore della coscienza’ di ognuno di noi‘.
 
Aung San Suu Kyi, leader della Lega nazionale per la democrazia, il partito di opposizione di Myanmar, ha trascorso in stato di privazione della libertà 13 degli ultimi 20 anni, buona parte dei quali agli arresti domiciliari. L’ultima ordinanza di arresti domiciliari avrebbe dovuto scadere il 27 maggio di quest’anno, ma prima di quella data è stata arrestata e, il 18 maggio, sottoposta a processo, tuttora in corso, per aver violato le norme sugli arresti domiciliari. Oltre 2100 persone sono attualmente in carcere nel paese asiatico a causa delle loro idee. Amnesty International continua a chiedere che siano rilasciate.

Ulteriori informazioni
 
Il premio ‘Ambasciatore della coscienza’, giunto al suo sesto anno, è un riconoscimento all’eccezionale leadership e all’impegno nella lotta per proteggere e promuovere i diritti umani. In passato, oltre agli U2, è stato conferito a Peter Gabriel, Nelson Mandela e Mary Robinson.
 
Ispirato da una poesia scritta per Amnesty International dal Nobel per la letteratura Seamus Heaney, il premio intende promuovere l’azione dell’organizzazione attraverso la vita, l’azione e l’esempio dei suoi ‘Ambasciatori’, che hanno fatto molto per sensibilizzare il mondo attraverso la loro azione e l’esempio personale.

FINE DEL COMUNICATO                                                                             Roma, 27 luglio 2009
 
Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

(14 maggio 2009) Myanmar: Amnesty International chiede al Consiglio di sicurezza di pretendere il rilascio immediato di Aung San Suu Kyi