Bahrein: brutalità delle forze di sicurezza - Amnesty International Italia

Bahrein: brutalità delle forze di sicurezza

16 marzo 2011

Tempo di lettura stimato: 7'

Amnesty International ha reso note le prove dell’uso eccessivo e sistematico della forza da parte delle forze di sicurezza nella repressione delle manifestazioni, mentre nuove violenze hanno causato la morte di otto persone.

In un nuovo rapporto pubblicato oggi, l’organizzazione per i diritti umani ha denunciato che a febbraio le forze di sicurezza hanno usato proiettili letali e attaccato con estrema violenza i manifestanti senza preavviso per poi aggredire gli operatori sanitari e impedire loro di soccorrere le persone ferite.

Il rapporto, che si basa su testimonianze di prima mano raccolte da una missione di ricerca di Amnesty International in Bahrein, viene diffuso mentre il paese è nella morsa di nuove violenze, dopo l’ingresso nel piccolo paese del Golfo di forze provenienti dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti tre giorni fa e la proclamazione dello stato nazionale di emergenza da parte del re del Bahrein.

‘È allarmante vedere le autorità del Bahrein replicare la stessa tattica usata a febbraio ma in modo molto più intenso’ – ha dichiarato Malcolm Smart, direttore del Programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International. ‘Il governo sembra aver deciso che il modo di affrontare le proteste sia la repressione violenta, una posizione totalmente insostenibile e che dà un inquietante esempio in una regione dove anche altri governi si trovano di fronte a richieste popolari di cambiamento’.

‘Le autorità devono esercitare il dovuto controllo sulle forze di sicurezza, difendere e proteggere i diritti alla libertà di espressione, associazione e assemblea, compreso il diritto di protestare pacificamente’.

Hani Mowafi, un medico statunitense che ha preso parte alla missione di ricerca di Amnesty International, ha potuto verificare come le forze di sicurezza durante le violenze di febbraio abbiano usato proiettili letali da corta distanza, mirando alla testa, al petto e all’addome dei manifestanti. Il 18 febbraio, hanno anche usato fucili caricati con proiettili di medio e grande calibro.

Il peggiore episodio di violenza finora ha avuto luogo la mattina del 17 febbraio, con l’uccisione di cinque persone. Testimoni hanno descritto ad Amnesty International scene, che potrebbero essersi ripetute il 16 marzo, in cui dopo che i carri armati avevano bloccato l’accesso a piazza della Perla, gli agenti di polizia hanno usato fucili, gas lacrimogeni, manganelli, proiettili di gomma per disperdere i manifestanti, molti dei quali erano accampati sul posto.

Un testimone ha riferito che il 17 febbraio gli agenti antisommossa sparavano da più postazioni, compreso un ponte sopra la piazza, mentre i manifestanti cercavano disperatamente un riparo. Sono state ferite anche persone chiaramente identificabili come operatori sanitari, presi di mira mentre cercavano di prestare le prime cure ai feriti, in piazza della Perla o nelle immediate vicinanze.

Il 3 marzo, nel corso di una sua visita a Londra, il ministro dello Sviluppo sociale del Bahrein ha comunicato ad Amnesty International che il governo aveva avviato un’indagine sulle uccisioni, le cui conclusioni sarebbero state riferite direttamente al re e che due agenti delle forze di sicurezza erano stati arrestati. L’organizzazione per i diritti umani ha chiesto un’indagine indipendente, approfondita e trasparente.

‘Tutte le azioni delle forze di sicurezza contro i manifestanti poste in essere a partire da febbraio devono essere oggetto di indagini complete e indipendenti. Chi ha ordinato e usato la forza contro persone che protestavano pacificamente dev’essere identificato e chiamato a rispondere di ciò che ha fatto. Non può esservi impunità per le uccisioni illegali, le aggressioni e le altre violazioni dei diritti umani commesse contro i manifestanti e gli operatori sanitari’.

Amnesty International ha identificato alcune delle munizioni rinvenute dopo il raid del 17 febbraio a piazza della Perla, tra cui gas lacrimogeni e manganelli di gomma di 37 cm prodotti negli Usa, così come granate lacrimogene e granate da ‘dispersione’ di fabbricazione francese, queste ultime progettate per frammentarsi in 18 pezzi che producono un suono assordante.

L’organizzazione per i diritti umani ha chiesto ai governi che forniscono armi al Bahrein di sospendere immediatamente il trasferimento di armi, munizioni e altro equipaggiamento relativo che potrebbero essere usati per compiere ulteriori violazioni dei diritti umani. Agli stessi governi, Amnesty International ha chiesto anche di riesaminare urgentemente i programmi di addestramento per le forze di sicurezza, la polizia e l’esercito del Bahrein.

L’uso eccessivo e senza preavviso della forza da parte delle forze di sicurezza del Bahrein ha spinto il governo del Regno Unito a revocare alcune licenze all’esportazione di armi mentre quello francese ha sospeso l’esportazione di equipaggiamento di sicurezza.

Ulteriori informazioni

La missione di Amnesty International, composta da due ricercatori e da un medico statunitense specializzato in salute pubblica e cure d’emergenza, ha visitato il Bahrein dal 20 al 26 febbraio. Ha intervistato testimoni delle violenze di metà febbraio, persone ferite e loro parenti, personale in servizio negli ospedali e negli obitori così come rappresentanti del governo e attivisti per i diritti umani.

Scarica il rapporto in inglese ‘Bloodied but Unbowed: Unwarranted State Violence against Bahraini Protesters’.

Approfondisci la situazione in Nord Africa e Medio Oriente

FINE DEL COMUNICATO                                                                                Roma, 17 marzo 2011

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it