Bahrein, Nabeel Rajab condannato a tre anni per una manifestazione - Amnesty International Italia

Bahrein, Nabeel Rajab condannato a tre anni per una manifestazione

15 agosto 2012

Tempo di lettura stimato: 3'

‘Una giornata nera per la giustizia nel Bahrein’, ha commentato Amnesty International dopo la condanna a tre anni di carcere inflitta il 16 agosto a Nabeel Rajab, presidente del Centro per i diritti umani del Bahrein. Rajab è stato giudicato colpevole di aver preso parte a un ‘raduno illegale’ in relazione a una manifestazione svoltasi il 6 febbraio di quest’anno.

‘Questa sentenza mette ulteriormente in dubbio l’indipendenza del potere giudiziario del Bahrein. Come molti altri, Rajab è un prigioniero di coscienza, incarcerato solo per aver esercitato pacificamente il suo diritto alla libertà d’espressione e di riunione. Chiediamo che sia rilasciato immediatamente e l’accusa e la condanna siano annullate’ – ha dichiarato Hassiba Hadj Sahraoui, vicedirettrice del Programma Africa del Nord e Medio Oriente di Amnesty International.

‘Quest’ultimo verdetto, se non altro, ha posto la parola fine alle riforme di facciata nel paese. Di fronte a tattiche così brutali di soppressione del dissenso, la comunità internazionale non può più illudersi che il Bahrein abbia intrapreso il cammino delle riforme. I partner internazionali devono farlo presente chiaro e forte alle autorità del paese’ – ha aggiunto Sahraoui.

La moglie di Rajab, Sumaya, che ha assistito all’udienza, ha dichiarato ad Amnesty International: ‘Per quanto dura e ingiusta, questa sentenza non ci ha sorpreso. Mostra quanto sia parziale e corrotto il potere giudiziario del Bahrein. Qui non ci sono diritti umani. La nostra difesa sostiene che quello di oggi è il più grande scandalo nella storia del potere giudiziario del paese’.

Nabel Rajab è stato tra gli organizzatori delle manifestazioni contro il governo iniziate nel febbraio 2011. Arrestato il 6 giugno di quest’anno dopo che era stato denunciato per calunnia a causa di alcuni suoi post su Twitter, il 9 luglio era stato già condannato a tre mesi di carcere.

FINE DEL COMUNICATO                                                              Roma, 16 agosto 2012

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Cell. 348 6974361