Bari, 22 febbraio: incontro sui diritti umani in Iran - Amnesty International Italia

Bari, 22 febbraio: incontro sui diritti umani in Iran

19 febbraio 2010

Tempo di lettura stimato: 2'

Bari, 22 febbraio: incontro ‘Iran: speranza, coraggio e repressione’

(19 febbraio 2010)

L’annuncio della vittoria del presidente Mahmoud Ahmadinejad nelle elezioni presidenziali del 12 giugno 2009 ha provocato diffuse proteste in tutto l’Iran. La repressione è stata estremamente violenta; le autorità hanno ammesso oltre 40 manifestanti uccisi, ma secondo Amnesty International sarebbero almeno il doppio, se non di più. 

Più di 5000 persone sono state arrestate e, in molti casi, sottoposte a torture e maltrattamenti. Oltre 100 sarebbero gli imputati condannati al carcere, alle frustate o all’impiccagione. Le condanne a morte inflitte sono state 12, di cui due eseguite il 28 gennaio. Almeno nove prigionieri rischiano l’esecuzione da un momento all’altro.

Per chiedere ancora una volta il rispetto dei diritti umani  in Iran, Amnesty International ha preso parte alla manifestazione ‘Piazze verdi per la libertà in Iran’ (guarda il video) e parteciperà all’incontro ‘Iran: speranza, coraggio e repressione’,  nell’ambito dell’iniziativa culturale ‘Primavera dei diritti’.

L’incontro ‘Iran: speranza, coraggio e repressione’ si terrà lunedì 22 febbraio, alle 17.30, presso il Roof Garden del Teatro Kursaal Santalucia, largo Adua 5/9, Bari.

Interverranno: Riccardo Noury (portavoce nazionale di Amnesty International), Mahmood Amiry-Moghaddam (portavoce di Iran Human Rights), Antonello Sacchetti (giornalista, autore di diversi testi sull’Iran, fondatore e direttore responsabile della rivista telematica ‘Il cassetto’), Reza Ganji (giornalista iraniano, costretto all’esilio da luglio 2009, in seguito alla repressione post elettorale).
 
Maggiori informazioni sono disponibili sul sito: www.primaveradeidiritti.it
 

Firma gli appelli per i diritti umani in Iran
Iran:vietato manifestare pacificamente: leggi l’approfondimento
Messaggio di Claudio Baglioni per i diritti umani in Iran