Bielorussia, arresti di massa durante manifestazioni pacifiche - Amnesty International Italia

Bielorussia, arresti di massa durante manifestazioni pacifiche

15 Luglio 2020

Tempo di lettura stimato: 1'

Il 14 luglio almeno 220 persone sono state arrestate nella capitale Minsk e in altre città della Bielorussia in violazione del loro diritto alla libertà di espressione e di manifestazione pacifica.

Le proteste erano state convocate dopo che la Commissione elettorale centrale aveva definitivamente escluso, per presunti e contestati motivi tecnici, due candidati dell’opposizione alle elezioni presidenziali di agosto: Syarhei Tsikhanouski, agli arresti domiciliari da maggio, e Viktar Babaryka, attualmente in carcere.

Secondo gli osservatori presenti, gli agenti di polizia (alcuni dei quali in borghese) hanno usato forza eccessiva, manganellando e prendendo a calci i manifestanti e costringendo alcuni di loro a restare in ginocchio all’interno delle camionette.