Cina: respinto l'appello contro la condanna di Liu Xiaobo - Amnesty International Italia

Cina: respinto l’appello contro la condanna di Liu Xiaobo

11 febbraio 2010

Tempo di lettura stimato: 3'

Amnesty International chiede alle autorità cinesi di rilasciare immediatamente Liu Xiaobo

CS014: 11/02/2010

Amnesty International ha chiesto alle autorità cinesi di rilasciare immediatamente l’attivista Liu Xiaobo, che si è visto oggi respingere l’appello contro la condanna a 11 anni inflittagli lo scorso 25 dicembre. 
 
Noto intellettuale e sostenitore delle riforme politiche e giuridiche, tra i promotori del manifesto per le riforme ‘Carta 08’, Liu Xiaobo paga il mero fatto di aver esercitato il diritto alla libertà d’espressione.
 
Confermando la condanna, si è persa l’occasione di rimediare a un errore. Questa sentenza durissima è un cupo messaggio, inviato alla popolazione cinese e al mondo intero, che in Cina non ci sono ancora libertà d’espressione e indipendenza del potere giudiziario‘ – ha dichiarato Roseann Rife, vicedirettrice del Programma Asia e Pacifico di Amnesty International
 
Amnesty International sottolinea che si è trattato del terzo processo sfavorevole nei confronti di attivisti per i diritti umani della settimana. Lunedì 8 febbraio, l’appello di Huang Qi contro la condanna a tre anni di carcere era stato respinto, mentre martedì 9 Tan Zuoren è stato condannato a cinque anni. Sia Huang che Tan avevano chiesto alle autorità di assumersi la responsabilità, rispettivamente, per le morti dei bambini nel terremoto del Sichuan del 2008 e per la repressione del movimento per la democrazia di piazza Tiananmen nel 1989.
 
È la conferma che chi osa criticare il sistema andando al di là dei parametri stabiliti dalle autorità o cerca di organizzare forme di società civile indipendenti, viene fermato‘ – ha commentato Rife.

FINE DEL COMUNICATO                                                              Roma, 11 febbraio 2010
 
Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

(9 febbraio 2010) Cina, condannato a cinque anni l’attivista online Tan Zuoren