Colombia, popolazioni native sotto attacco - Amnesty International Italia

Colombia, popolazioni native sotto attacco

23 febbraio 2010

Tempo di lettura stimato: 5'

Colombia, in aumento nel 2009 gli attacchi contro le popolazioni native. Nuovo rapporto di Amnesty International

CS017: 23/02/2010

Secondo un rapporto presentato oggi da Amnesty International, nel corso del 2009 gli attacchi contro le popolazioni native della Colombia sono aumentati e hanno costretto molte comunità a lottare per la loro stessa sopravvivenza. 
 
Il rapporto dell’organizzazione per i diritti umani, intitolato ‘La lotta per la sopravvivenza e la dignità: le violazioni dei diritti umani contro le popolazioni native della Colombia’, chiama in causa i gruppi della guerriglia, le forze di sicurezza e i paramilitari, responsabili di omicidi, sparizioni, sequestri di persona, minacce, abusi sessuali contro le donne, arruolamento di bambini soldato, espulsioni dalle terre e persecuzione ai danni degli attivisti.
 
Le popolazioni native colombiane sono sempre più sotto attacco. Il governo deve agire immediatamente per proteggerle‘ – ha dichiarato Marcelo Pollack, ricercatore di Amnesty International sulla Colombia.
 
Secondo i dati forniti dall’Organizzazione nazionale indigena della Colombia, solo nel 2009 almeno 114 nativi, compresi donne e bambini, sono stati uccisi e migliaia costretti a lasciare le proprie terre. I crimini commessi nei loro confronti vengono raramente sottoposti a indagini da parte delle autorità.
 
Le migliaia di nativi espulsi dalle terre vivevano spesso in aree dove erano in corso violenti scontri militari o su terre ricche dal punto di vista della biodiversità e delle riserve minerarie e petrolifere. Molti altri nativi sono stati costretti a rimanere perché i gruppi armati hanno minato le zone circostanti.
 
L’accesso al cibo e alle cure mediche essenziali è stato a sua volta bloccato dalle forze in conflitto, con l’argomento che altrimenti sarebbero stati consegnati al ‘nemico’. Tutti i protagonisti di questo scontro hanno occupato scuole usandole come basi militari, negando l’accesso all’istruzione alle comunità native e mettendo in pericolo l’incolumità degli insegnanti.

Se le autorità non si muovono rapidamente per proteggere le comunità native, molte di esse rischiano di sparire‘ – ha commentato Pollack.
 
Oltre la metà dei nativi uccisi nel 2009 apparteneva alla comunità awá. Questa comunità possiede collettivamente il terreno e i fiumi del ‘resguardo’ (riserva indigena) di El Gran Rosario, situato nella municipalità di Tumaco, nel dipartimento sudoccidentale di Nariño. La zona riveste un’importanza strategica per le parti in conflitto e vede l’attiva presenza dei guerriglieri delle Forze armate rivoluzionarie di Colombia (Farc) e dell’Esercito di liberazione nazionale, delle forze di sicurezza e dei narcotrafficanti.
 
Il 26 agosto 2009, 12 awá, compresi sei bambini e un neonato di otto mesi, sono stati uccisi e molti altri sono stati feriti da uomini incappucciati che indossavano uniformi militari. Tra le vittime, Tullia García, assassinata insieme ai figli, aveva assistito all’omicidio del marito Gonzalo Rodríguez, ucciso dai militari il 23 maggio dello stesso anno, e da allora aveva ricevuto minacce di morte.
 
Dopo il massacro, 300 awá, tra cui 100 bambini, sono fuggiti verso Tumaco, lasciando case, beni personali e bestiame alle loro spalle. Settimane dopo l’arrivo in città, vivevano ancora in luoghi di fortuna o dormivano all’aperto, con poco cibo, acqua scarsa e senza servizi igienici.
 
Il 4 febbraio 2009, 15 awá, tra cui due donne incinte, erano stati assassinati dalle Farc nella municipalità di Barbacoas, dipartimento di Nariño.

Amnesty International chiede a tutte le parti attive nel conflitto di rispettare il diritto delle comunità native a non essere coinvolte e trascinate nelle ostilità e di tutelare i territori in cui esse vivono e da cui dipendono per il loro sostentamento. 
 
Il conflitto armato che va avanti da 40 anni ha coinvolto milioni di persone in tutto il paese provocando decine di migliaia di uccisioni, torture e sparizioni. La maggior parte delle vittime sono civili.

FINE DEL COMUNICATO                                                  Roma, 23 febbraio 2010
 
Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

La trappola del conflitto colombiano

Leggi il rapporto ‘La lotta per la sopravvivenza e la dignità’