Commento di Amnesty sulla morte di Augusto Pinochet - Amnesty International Italia

Commento di Amnesty sulla morte di Augusto Pinochet

10 dicembre 2006

Tempo di lettura stimato: 4'

Cile: commento di Amnesty International sulla morte di Augusto Pinochet

CS132-2006: 11/12/2006

La morte di Augusto Pinochet, per una amara coincidenza avvenuta nella Giornata internazionale dei diritti umani, costituisce un potente monito sulla necessità di una giustizia rapida e incisiva nei casi che riguardano violazioni dei diritti umani. In tutta
l’America Latina, decine e decine di ex militari, responsabili di decine di migliaia di casi di ‘sparizioni’, uccisioni e torture continuano a vivere in esilio e a godere di un’impunità totale. I governi devono comprendere che ritardare la giustizia può spesso significare negare la giustizia alle vittime.

La morte di Pinochet non deve chiudere il capitolo più nero della storia cilena, contrassegnato da gravi violazioni dei diritti umani e dall’impunità. Il governo deve assicurare che tutti i responsabili delle violazioni dei diritti umani commesse sotto il regime di Pinochet siano portati di fronte alla giustizia. Deve inoltre annullare la legge d’amnistia (Decreto legge 2191), emanata sotto il regime di Pinochet, che ha finora protetto i responsabili di violazioni dei diritti umani.

Ultimamente, Pinochet aveva riconosciuto la propria ‘responsabilità politica’ per quello che è accaduto sotto il suo regime. Si tratta di un’ammissione vaga, che non ha peso legale e non ha particolari implicazioni per la ricerca di giustizia che è dovuta da oltre 30 anni alle vittime.

Ulteriori informazioni

Augusto Pinochet ha governato in Cile dal 1973 al 1990, dopo aver estromesso con un colpo di Stato il governo del presidente Salvador Allende.

Sotto il suo regime sono stati denunciati migliaia di casi di violazioni dei diritti umani. Secondo il rapporto della Commissione Rettig (la Commissione per la verità e la riconciliazione), reso noto nel 1991, 3196 persone morirono a causa della violenza politica durante il suo regime. Di esse, 1185 rimangono tuttora ‘scomparse’.

Lo Stadio nazionale e Villa Grimaldi, dove l’attuale presidente Michelle Bachelet e sua madre vennero detenute nel 1975, furono i centri di prigionia più usati dal regime di Pinochet. Villa Grimaldi è ora stata trasformata in un centro alla memoria.

Dal 1988, Augusto Pinochet era stato accusato di numerosi casi di violazioni dei diritti umani ma i procedimenti si sono scontrati con ostacoli legali, soprattutto l’impunità di cui egli godeva come ex presidente e senatore e le sue condizioni di salute. I suoi avvocati hanno sempre sostenuto che non era in grado di prendere parte a un processo.

Pinochet, era sotto accusa nel contesto di un’inchiesta di natura finanziaria (il caso Riggs) e di cinque inchieste riguardanti i diritti umani: il centro di detenzione di Villa Grimaldi, l’Operazione Colombo, l’Operazione Condor, la Carovana della morte e il caso Prats.

FINE DEL COMUNICATO                                                   Roma, 11 dicembre 2006

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it