Comune di Roma disapplica la circolare discriminatoria sugli alloggi popolari ai rom - Amnesty International Italia

Comune di Roma disapplica la circolare discriminatoria sugli alloggi popolari ai rom

8 maggio 2014

Tempo di lettura stimato: 4'

Amnesty International ha commentato con soddisfazione la decisione del Comune di Roma di disapplicare la circolare interna del gennaio 2013, che discriminava le famiglie rom residenti nei campi autorizzati riducendone le probabilità di accedere a un alloggio popolare. Giovedì 8 maggio, in audizione di fronte alla Commissione diritti umani del Senato, l’assessore alla Casa del Comune di Roma Daniele Ozzimo ha infatti chiarito che il Comune non intende dare applicazione alla circolare, approvata sotto la precedente amministrazione.

‘Il Comune di Roma non solo ha riconosciuto che nessuno può essere svantaggiato nell’accesso a un alloggio adeguato sulla base della propria identità etnica, ma ha anche fatto un piccolo ma importante passo per rimuovere gli ostacoli sinora frapposti nel cammino dei rom verso una piena integrazione‘ – ha dichiarato John Dalhuisen, direttore per l’Europa e l’Asia Centrale di Amnesty International.

La circolare prevedeva che, nell’assegnare i punteggi alle famiglie richiedenti un alloggio popolare, le famiglie rom dimoranti in campi autorizzati fossero svantaggiate rispetto ad altre famiglie in situazione di grave disagio abitativo, dimoranti in altre strutture di accoglienza facenti capo all’amministrazione comunale.

Finalmente la giunta Marino ha riconosciuto il principio secondo cui tutte le famiglie in situazione di grave disagio abitativo, ospitate tanto in campi autorizzati quanto in centri di assistenza alloggiativa del Comune, devono essere aiutate a uscirne e ad accedere a un alloggio popolare‘ –  ha continuato Dalhuisen. ‘Pur accogliendo con soddisfazione le dichiarazioni dell’assessore Ozzimo, che abbiamo aspettato per lungo tempo, sottolineiamo che molto resta da fare per garantire che il diritto di tutti a un alloggio adeguato sia soddisfatto pienamente. Occorrono risorse per fare fronte alle esigenze di migliaia di famiglie in situazione di disagio abitativo, insieme alla garanzia che qualunque allocazione di risorse per la casa sia trasparente e non discriminatoria‘ – ha sottolineato Dalhuisen.

Amnesty International ha ripetutamente denunciato gli effetti discriminatori della circolare, che, ostacolando l’accesso di famiglie rom indigenti a un alloggio convenzionale, era strumentale alla loro segregazione nei campi, per lungo tempo perseguita dall’amministrazione capitolina. L’organizzazione per i diritti umani si aspetta che la decisione di disapplicare la circolare sia adeguatamente comunicata alle famiglie residenti nei campi, anche considerato l’effetto deterrente che l’emanazione della circolare ha esercitato sulle famiglie interessate a fare richiesta di un alloggio popolare.

Non possiamo dimenticare che l’emanazione della circolare interna del gennaio del 2013, subito dopo la pubblicazione del bando del 31 dicembre del 2012 che riaprì le liste di assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, avvenne in concomitanza con un dibattito politico dai toni platealmente discriminatori, ampiamente riportato dalla stampa. Sminuire l’importanza della circolare a oltre un anno di distanza dalla sua emanazione non può bastare a rimediare al messaggio scoraggiante ricevuto dalle famiglie rom in quel periodo‘ – ha concluso Dalhuisen.

FINE DEL COMUNICATO                                   Roma, 9 maggio 2014

Per interviste:Amnesty International Italia – Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it