Condanne a morte in Libia: l'Ue deve intervenire - Amnesty International Italia

Condanne a morte in Libia: l’Ue deve intervenire

18 dicembre 2006

Tempo di lettura stimato: 2'

Condanne a morte in Libia: Amnesty International chiede l’intervento dell’Unione europea

CS 136-2006: 19/12/2006

Amnesty International ha chiesto oggi all’Unione europea (Ue) di premere sulla Libia affinché siano riviste le condanne a morte di cinque infermiere bulgare e un medico palestinese, giudicati colpevoli di aver infettato centinaia di bambini col virus dell’Hiv in un ospedale di Bengazi.

Amnesty International, che si oppone alla pena di morte per ragioni di principio, ha espresso preoccupazioni anche per la natura del processo, che ha ritenuto viziato sin dall’inizio. Nel febbraio 2004, gli imputati raccontarono a una missione dell’organizzazione che erano stati costretti a confessare dopo essere stati torturati con scariche elettriche, percossi e tenuti appesi per le braccia.

L’Ue ha una responsabilità diretta e deve essere molto ferma in questo caso‘ – ha dichiarato Dick Oosting, direttore dell’Ufficio di Amnesty International presso l’Ue. ‘Un sistema giudiziario che impone la pena di morte al termine di un processo discutibile, rafforza le nostre preoccupazioni per l’impazienza con cui l’Ue vuole cooperare con la Libia nella lotta contro l’immigrazione irregolare‘.

FINE DEL COMUNICATO STAMPA                                    Roma, 19 dicembre 2006

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361 , e-mail: press@amnesty.it