Conflitto Gaza: pericolosa dichiarazione del procuratore della Corte penale internazionale mette a rischio la giustizia per le vittime - Amnesty International Italia

Conflitto Gaza: pericolosa dichiarazione del procuratore della Corte penale internazionale mette a rischio la giustizia per le vittime

3 aprile 2012

Tempo di lettura stimato: 1'

L’Ufficio del Procuratore della Corte penale internazionale ha reso noto oggi che non potrà prendere in considerazione denunce di crimini commessi durante il conflitto del 2008-2009 a Gaza se le Nazioni Unite o gli stati parte della Corte non determineranno che l’Autorità palestinese è uno stato.

Questa pericolosa dichiarazione rischia di negare giustizia alle vittime palestinesi e israeliane, nonché di far cadere sulla Corte l’accusa di parzialità politica. Non è coerente con l’indipendenza dell’organo giudiziario e per di più viola inoltre lo Statuto di Roma, che prevede chiaramente che questioni come quella sollevata oggi debbano essere considerate dai giudici della Corte’ – ha dichiarato Marek Marczynski di Amnesty International.