Conflitto Israele ed Hezbollah: necessario un embargo sulle armi - Amnesty International Italia

Conflitto Israele ed Hezbollah: necessario un embargo sulle armi

27 luglio 2006

Tempo di lettura stimato: 4'

Amnesty International sollecita un embargo sulle armi dirette a Israele ed Hezbollah

CS85-2006: 28/07/ 2006

Mentre i civili continuano a pagare le peggiori conseguenze del conflitto in corso, Amnesty International ha chiesto oggi l’imposizione di un embargo immediato sulle armi dirette a Israele ed Hezbollah.

Amnesty International è fortemente preoccupata per il continuo trasferimento di armi dagli Usa, attraverso la Gran Bretagna, ad Israele. Un aeroporto britannico è stato recentemente usato da cargo statunitensi che trasportavano armi destinate all’esercito israeliano.

Le modalità degli attacchi e l’elevato numero delle vittime civili dimostrano un flagrante disprezzo del diritto umanitario da parte di Israele e di Hezbollah‘ – ha dichiarato Irene Khan, Segretaria generale di Amnesty International.

Prendere direttamente di mira la popolazione civile e le infrastrutture civili, così come lanciare attacchi indiscriminati e sproporzionati equivale a commettere crimini di guerra‘ – ha proseguito Khan. ‘I governi che riforniscono di armi ed equipaggiamento militare Israele ed Hezbollah stanno accrescendo la loro capacità di compiere crimini di guerra. Tutti i governi dovrebbero imporre un embargo sulle armi nei confronti di entrambe le parti e rifiutare il permesso di utilizzare il proprio territorio per trasferire armi ed equipaggiamento militare‘.

Fonti giornalistiche britanniche hanno riferito che, la scorsa settimana, due cargo Airbus A130 presi a noleggio, pieni di bombe a guida laser Gbu 28 contenenti testate all’uranio impoverito e destinate all’aviazione israeliana, sono atterrati all’aeroporto di Prestwick, Glasgow. La sosta ha consentito di fare rifornimento e far riposare l’equipaggio proveniente dagli Usa.

Secondo altre informazioni, gli Usa avrebbero chiesto il permesso di atterraggio sul suolo britannico per altri due aerei diretti in Israele, nelle prossime due settimane. I cargo trasporterebbero ulteriori armi, tra cui bombe e missili.

Il governo di Londra dovrebbe rifiutare il permesso di utilizzare i propri scali marittimi e aerei per navi o aerei che trasportano armi ed equipaggiamento militare diretti a Israele o a Hezbollah‘ – ha scritto Amnesty International al segretario agli Esteri britannico Margaret Beckett. L’organizzazione per i diritti umani ha anche chiesto alla Gran Bretagna di sospendere la vendita o il trasferimento di ogni genere di arma o di equipaggiamento militare verso Israele.

Ė ridicolo fornire aiuti umanitari con una mano, mentre con l’altra si danno armi. Di fronte a così tanta sofferenza umana in Libano e in Israele, è indispensabile che tutti i governi fermino immediatamente le forniture di armi e di munizioni a entrambe le parti‘ – ha concluso Khan.

FINE DEL COMUNICATO                                   Roma, 28 luglio 2006

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it