Corea del Sud: la Corte costituzionale nega il diritto all'obiezione di coscienza - Amnesty International Italia

Corea del Sud: la Corte costituzionale nega il diritto all’obiezione di coscienza

6 settembre 2011

Tempo di lettura stimato: 1'

Amnesty International ha criticato la sentenza della Corte costituzionale della Corea del Sud che, il 30 agosto, ha deciso a maggioranza che il rifiuto di svolgere il servizio militare non rientra nel ‘diritto alla libertà di coscienza’ protetto dalla Costituzione del paese.

La sentenza è in contrasto con gli obblighi internazionali della Corea del Sud riguardo al diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione che comprende anche il diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare.

Centinaia di obiettori di coscienza sono attualmente in prigione in Corea del Sud e molti altri verranno condannati se il governo sud-coreano non porrà rimedio alla decisione della Corte costituzionale.

Corea del Sud – Scheda Rapporto annuale 2011