Cuba, Amnesty International chiede il rilascio di due prigionieri di coscienza - Amnesty International Italia

Cuba, Amnesty International chiede il rilascio di due prigionieri di coscienza

28 Novembre 2020

Tempo di lettura stimato: 2'

Amnesty International ha sollecitato le autorità cubane a rilasciare l’artista Luis Manuel Otero Alcántara e l’accademica Anamely Ramos González, imprigionati solo a causa delle loro opinioni.

I due prigionieri, appartenenti al movimento di artisti e attivisti San Isidro, sono stati arrestati rispettivamente la notte del 26 novembre e la mattina del 27 novembre dopo un’irruzione della polizia nella sede dell’organizzazione. Molte persone che erano presenti sono state riportate nelle loro abitazioni e posti sotto sorveglianza. Alcántara e González sono invece tuttora detenuti senza contatti col mondo esterno.

Secondo la stampa ufficiale, l’irruzione nella sede del Movimento San Isidro si è resa necessaria per asserite violazioni dei protocolli per il contrasto alla pandemia da Covid-19.

All’interno della loro sede, i membri del Movimento San Isidro stavano svolgendo uno sciopero della fame per chiedere la scarcerazione di un altro esponente del gruppo, Denis Solís González, recentemente condannato per “desacato” (mancanza di rispetto), un reato che non trova corrispondenza nel diritto internazionale dei diritti umani.

Amnesty International aveva già dichiarato Alcántara prigioniero di coscienza quando, nel marzo 2020, era stato arrestato per la sua opposizione al Decreto 349, una norma entrata in vigore alla fine del 2018 che criminalizza e sottopone a censura l’espressione artistica.

González poco prima dell’arresto stava trasmettendo in diretta su Facebook. Accompagnata a casa e posta sotto sorveglianza, è stata arrestata la mattina del 27 novembre mentre cercava di uscire dalla sua abitazione.