Dal 23 marzo nelle sale italiane 'The Lady' di Luc Besson, il film su Aung San Suu Kyi - Amnesty International Italia

Dal 23 marzo nelle sale italiane ‘The Lady’ di Luc Besson, il film su Aung San Suu Kyi

5 marzo 2012

Tempo di lettura stimato: 2'

Esce il 23 marzo nelle sale italiane il film ‘The Lady’ di Luc Besson, che racconta la vicenda umana e politica della leader birmana e premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi.

Suu Kyi, dopo essere stata privata per oltre 15 anni della libertà personale, è stata scarcerata il 13 novembre 2010 ed è candidata alle elezioni suppletive di aprile.

Negli ultimi mesi, le pressioni sulla giunta militare al potere in Myanmar hanno favorito il rilascio di almeno 477 prigionieri di coscienza e prigionieri politici, tra cui i noti dissidenti Zaw Htet Ko Ko, Zarganar, Su Su Nway,  Htay Kywe, U Khun Htun Oo, Min Ko Naing e U Gambira.

Oltre 1000 prigionieri politici, molti dei quali prigionieri di coscienza, rimangono tuttavia ancora dietro le sbarre. Amnesty International continua a sollecitare il loro rilascio e a chiedere che tutte le persone scarcerate possano prendere liberamente parte al processo politico in corso ed esercitare i loro diritti alla libertà di espressione, di riunione pacifica e di associazione.

Amnesty International Italia, nell’ambito del patrocinio al film, sta già collaborando con Good Films, la società di distribuzione di ‘The Lady’, a una serie di attività.

Tra queste, la campagna ‘Send a Message’ che prevede la registrazione di un videomessaggio a sostegno di Aung San Suu Kyi e dei diritti umani del popolo di Myanmar. Per farlo, basta andare sulla pagina Facebook di Good Films!