Decreto Salvini su immigrazione: preoccupazioni del Tavolo Asilo - Amnesty International Italia

Decreto Salvini su immigrazione: preoccupazioni del Tavolo Asilo

26 settembre 2018

Tempo di lettura stimato: 2'

Il Tavolo Asilo, riunitosi per analizzare il Decreto Legge “Salvini” approvato dal Consiglio dei Ministri, esprime la propria preoccupazione per i contenuti del provvedimento.

Tra le tante problematicità che questo testo solleva,  ci preme sottolinearne alcune.

L’abrogazione del titolo di soggiorno per motivi umanitari rischia di produrre effetti molto negativi sul territorio e sul Paese, riducendo in modo significativo l’accesso al diritto d’asilo e generando nuova irregolarità.

È incomprensibile la scelta di ridurre sostanzialmente il sistema d’accoglienza pubblico SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati), che è l’unico a garantire i percorsi di inclusione sociale con il protagonismo degli enti locali e una piena trasparenza nella gestione dei fondi.

Sono riproposte misure che hanno già dimostrato di essere inefficaci oltre che ingiuste, come l’allungamento della detenzione amministrativa in attesa dell’espulsione, a cui si aggiunge l’introduzione del trattenimento nella fase di primo arrivo.

Riteniamo siano molti i profili di violazione della Costituzione, della normativa internazionale e di quella dell’Unione Europea, violazioni che  necessitano di un intervento correttivo nelle sedi opportune.

Il Tavolo Asilo chiede di poter intervenire, attraverso le audizioni parlamentari,  al processo legislativo per dare un contributo come  enti che ogni giorno sul territorio si occupano di tutela del diritto d’asilo e di accoglienza.

A Buon Diritto, ACLI, ActionAid, Amnesty International Italia, ARCI, ASGI, Caritas Italiana, FOCUS Casa dei Diritti Sociali, Centro Astalli, CIR, Comunità di S.Egidio, CNCA, Emergency, Médecins du Monde Missione Italia, Mediterranean Hope (FCEI), Medici per i diritti umani, Oxfam Italia, Senza Confine, del Tavolo Asilo Nazionale.