“Mai più inascoltate: sono le donne che daranno forma al futuro della Siria!"

“Mai più inascoltate: sono le donne che daranno forma al futuro della Siria!”

8 marzo 2019

Tempo di lettura stimato: 4'

In occasione dell’8 marzo abbiamo lanciato una nuova campagna per denunciare le violazioni dei diritti umani subite dalle donne durante il conflitto siriano e per chiedere che, contrariamente a quanto sta accadendo, esse abbiano un ruolo ufficiale e attivo nel dare forma al futuro del paese.

Invitiamo i nostri soci e il pubblico a inviare alle donne siriane un messaggio di solidarietà nel quale chiediamo che siano rappresentate in modo eguale e concreto nel processo politico in atto.

Perché è importante questa campagna?

Perché vogliamo amplificare le voci delle donne che svolgono un ruolo cruciale nella società siriana come le attiviste, le manifestanti pacifiche, le organizzatrici dei soccorsi umanitari e le fondatrici di associazioni e centri comunitari.

Invia un messaggio»

Il supplizio delle donne siriane: rapite, violentate e costrette a sanzioni corporali

Dall’inizio della crisi siriana, nel 2011, le donne hanno subito molteplici violazioni tra cui detenzioni arbitrarie, sparizioni forzate, sequestri e violenza di genere da parte delle autorità siriane e degli altri attori coinvolti nel conflitto.

Abbiamo intervistato 12 attiviste che hanno lasciato la Siria per cercare riparo negli stati confinanti o altrove. Queste donne hanno raccontato come siano state arrestate, sequestrate e tenute in condizioni estremamente dure e con limitato accesso ai servizi fondamentali; come siano state evitate dalle loro stesse famiglie dopo il rilascio e come siano state intimidite e minacciate di morte a causa delle loro attività umanitarie e politiche o per aver cercato informazioni sui loro parenti rapiti o sottoposti a sparizione forzata.

In più, le nostre ricerche hanno dimostrato che donne arrestate dalle autorità siriane sono state sottoposte a controlli di sicurezza invasivi all’arrivo nei centri di detenzione, in alcuni casi veri e propri stupri; in altri casi hanno subito o sono state costrette ad assistere a molestie e aggressioni sessuali da parte delle guardie penitenziarie; hanno convissuto con detenuti maschi e sono state lasciate in custodia a secondini di sesso maschile; sono anche state private dei trattamenti medici necessari per curare malattie croniche.

Abbiamo anche documentato violazioni del diritto internazionale umanitario da parte dei gruppi armati dell’opposizione a Idlib e Aleppo, dove donne sono state rapite o costrette a lavorare nelle cucine di centri informali di detenzione e sono state sottoposte a sanzioni corporali come la lapidazione o la fustigazione perché sospettate di relazioni sessuali extramatrimoniali.

Le donne siriane devono essere coinvolte nelle discussioni sul passato e sul futuro del loro paese a livello locale, regionale e internazionale. Porre fine alla discriminazione di genere è fondamentale per garantire una società giusta e trasparenteha denunciato Samah Hadid, direttrice delle campagne sul Medio Oriente di Amnesty International.

Queste donne sono preoccupate per il fatto di non essere adeguatamente rappresentate nel processo decisionale riguardo al futuro della Siria. In alcuni casi, nelle discussioni sono state coinvolte solo donne rappresentanti il governo o l’opposizione.

Invia un messaggio»