Due anni dopo Snowden, i governi non fermano la sorveglianza di massa - Amnesty International Italia

Due anni dopo Snowden, i governi non fermano la sorveglianza di massa

4 giugno 2015

Tempo di lettura stimato: 7'

I governi devono accettare di aver perso il dibattito sulla legittimità della sorveglianza di massa e riformare il controllo sulla raccolta delle informazioni, Amnesty International e Privacy International hanno dichiarato oggi in un documento reso noto due anni dopo che Edward Snowden ha rivelato la rete di spionaggio internazionale dei servizi di intelligence degli Usa e del Regno Unito.

L’equilibrio di potere sta cominciando a cambiare‘, ha dichiarato Edward Snowden in un articolo pubblicato oggi sui giornali di tutto il mondo. ‘Con ogni vittoria in tribunale, ad ogni cambio di legge, dimostriamo che i fatti sono più convincenti della paura‘.

Il documento Due anni dopo Snowden: proteggere i diritti umani in un’era di sorveglianza di massa avverte che i governi stanno cercando di mantenere e sviluppare la sorveglianza di massa, nonostante la pratica sia condannata come una violazione dei diritti umani da tribunali, parlamenti e organismi per i diritti umani. La denuncia arriva sulla scia dell’adozione da parte del Congresso degli Stati Uniti questa settimana della legge sulla libertà, un esempio solitario e limitato di riduzione legislativa dei poteri di sorveglianza da quando Snowden ha iniziato con le rivelazioni.

Grazie a Edward Snowden, milioni di persone sono ora consapevoli che nemmeno i loro segreti più intimi sono al sicuro dallo spionaggio del governo. Gli esperti degli organismi nazionali e internazionali non avrebbero potuto parlare con maggiore chiarezza: la sorveglianza di massa indiscriminata delle comunicazioni è una violazione dei diritti umani. Il gioco è finito ed è giunto il momento per i governi di riformare i loro programmi di sorveglianza di massa indiscriminati‘, ha ammonito Carly Nyst, direttore legale di Privacy International.

È deludente che i governi non abbiano accettato che la sorveglianza di massa viola i diritti umani. Anche se il passaggio della legge sulla libertà degli Stati Uniti mostra che è possibile ridurre la sorveglianza, la prospettiva di poteri di spionaggio più invadenti in Francia e nel Regno Unito mostra che l’appetito dei governi per sempre maggiori informazioni sulla nostra vita privata non si è saziato‘, ha aggiunto Sherif Elsayed-Ali, vice direttore del programma Temi globali di Amnesty International.

I governi sfidano l’opinione pubblica, ampliando la sorveglianza

Nel corso degli ultimi due anni, la sorveglianza di massa è stata condannata come eccessiva e come una violazione dei diritti umani da parte di giudici, inchieste parlamentari ed esperti legali e tecnologici nominati dai governi e dalle istituzioni internazionali, come il Consiglio d’Europa e le Nazioni Unite.

Il documento di Amnesty International e Privacy International mette in guardia che, a dispetto della condanna globale, i programmi di spionaggio del Regno Unito e degli Usa rimangono avvolti nel mistero, mentre molti altri governi sono alla ricerca di nuovi poteri di sorveglianza.

Danimarca, Finlandia, Francia, Paesi Bassi, Pakistan e Svizzera stanno discutendo o hanno previsto di presentare nuovi progetti di legge sull’intelligence in grado di aumentare la loro capacità di spiare le comunicazioni in questi paesi e oltre. Proprio questa settimana, il Senato francese ha votato una nuova legge che concede alle autorità poteri di sorveglianza gran lunga maggiori.

Il documento avverte inoltre che i progressi tecnologici renderanno la tecnologia di sorveglianza più economica, più potente e più diffusa. Gran parte della capacità attualmente disponibile unicamente ai servizi di intelligence degli Stati Uniti e del Regno Unito sarà probabilmente disponibile per molti altri paesi in futuro.

Piano in sette punti per la protezione dei diritti umani nell’era digitale

Amnesty International e Privacy International hanno presentato un piano in sette punti che invita i governi a introdurre controlli ed equilibrio sull’uso della sorveglianza, tra cui controllo giudiziario adeguato e controllo parlamentare. Le organizzazioni a tutela dei diritti chiedono che la sorveglianza delle comunicazioni resti entro i limiti del diritto internazionale dei diritti umani e possa quindi essere utilizzata unicamente nel caso in cui sia:

– mirata, sulla base di prove sufficienti di illecito e autorizzata da un’autorità rigorosamente indipendente, quale un giudice;
– supervisionata, da processi parlamentari e giudiziari trasparenti e indipendenti;
– governata, da regole e politiche a disposizione del pubblico e sufficientemente dettagliate.

Le organizzazioni chiedono inoltre che le potenti aziende di internet e telecomunicazione si attivino maggiormente per proteggere le comunicazioni via internet e telefoniche di miliardi di persone dalla sorveglianza invasiva e dagli attacchi criminali. Le aziende devono investire in nuove e migliori tecnologie di crittografia e protezione della privacy per proteggere e rendere anonimi i dati e informare gli utenti quando la legge può obbligare loro a consegnare i propri dati ai governi.

Le aziende tecnologiche devono fare molto di più per proteggere la privacy e la libertà di espressione dei propri utenti online. Mentre alcune grandi aziende come Apple e Google hanno iniziato ad adottare standard di crittografia più potenti, altre sono in ritardo. Le aziende del settore devono introdurre la crittografia end-to-end nei loro servizi per impostazione predefinita ove possibile‘ ha aggiunto Sherif Elsayed-Ali.

La legittimità di raccogliere comunicazioni in grandi quantitativi non è più oggetto di discussione – si tratta di una violazione dei diritti umani e del diritto internazionale. La sorveglianza di massa deve essere smantellata e sostituita da misure mirate e responsabili che rispettino i diritti umani‘, ha concluso Carly Nyst.