Due opere patrocinate da Amnesty International alla Mostra del cinema di Venezia - Amnesty International Italia

Due opere patrocinate da Amnesty International alla Mostra del cinema di Venezia

8 settembre 2011

Tempo di lettura stimato: 3'

Quest’anno, all’interno della 68ma Mostra del cinema di Venezia, sono due le opere patrocinate dalla Sezione Italiana di Amnesty International, entrambe in programma nella sezione ‘Controcampo’.

‘Black block’ di Carlo A. Bachschmidt, prodotto e distribuito da Fandango, in concorso mercoledì 7 nella sezione ‘Controcampo’, porta sullo schermo la memoria ancora viva di quanto accaduto nella notte tra il 21 e il 22 luglio 2001 nella scuola Diaz di Genova, attraverso il ricordo e la testimonianza di ragazze e ragazzi di nazionalità straniera che subirono gravi violazioni dei diritti umani durante l’irruzione delle forze di polizia. ‘Black block’ dà voce a queste persone, al loro trauma e al percorso intrapreso per superarlo.

La loro è una voce largamente trascurata nel decennio trascorso da quella che Amnesty International ha definito una ‘macchia inaccettabile nella storia dei diritti umani in Italia’ e su cui ha lanciato una nuova campagna per chiedere all’Italia di introdurre il reato di tortura, gli strumenti per prevenire e punire gli abusi di funzionari e agenti delle forze di polizia e le misure per identificare gli agenti impegnati in operazioni di ordine pubblico.

‘Io sono’ di Barbara Cupisti, prodotto da Faro Film in collaborazione con Rai Cinema, in programma il 10 settembre come evento della sezione ‘Controcampo’, racconta le traversie del viaggio, le difficoltà dell’arrivo e la condizione di invisibilità di migranti e rifugiati giunti in Italia, spinti dalla fame, dalla miseria, dalla tortura e dalla guerra. Sono storie di diritti negati e, insieme, di dignità mai persa e difesa fino in fondo, così come difendono l’obiettivo di migliorare il proprio futuro.

Sempre nell’ambito della Mostra del cinema di Venezia, il 10 settembre la Sezione Italiana di Amnesty International prenderà parte a un dibattito su cinema, libertà d’informazione e diritti umani.

FINE DEL COMUNICATO                                                                                                  Roma, 5 settembre 2011

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell.348-6974361, e-mail press@amnesty.it